sfruttamento

No Picture

Il “ricatto” di una multinazionale

Volete evi­tare chiu­sura e delo­ca­liz­za­zione in Polo­nia? Allora diven­tate polac­chi, tagliando il sala­rio quasi della metà rispetto alle 1.400 euro di adesso e can­cel­lando i diritti sin­da­cali con­qui­stati. Mai così espli­cito il ricatto ai lavo­ra­tori di una mul­ti­na­zio­nale, la sve­dese Elec­tro­lux — ma non è la sola e l’affare puzza tanto di Marchionne. Insomma, alla richie­sta di lavoro, occu­pa­zione, inve­sti­menti, la rispo­sta dei padroni glo­bali è «fatevi slavi», altri­menti por­te­remo fuori il tea­tro dello sfrut­ta­mento…



No Picture

Dall’Albania al Vaticano, il business dei rosari. Le donne sfruttate a 7 centesimi il pezzo!

Naturalmente va conteggiato anche il materiale, ma quel che salta all’occhio è la distanza tra il costo del lavoro in Albania e il prezzo al cliente nei negozi romani: qualcosa come trecento volte di più. Una sproporzione che dev’essere chiara anche a intermediari e venditori, se parlarne a un giornalista è così difficile. “Ma cosa vuole che ne sappia io di queste cose? Vada piuttosto a vedersi la Cappella Sistina…


No Picture

La lapdance per pagarsi l’Università!

Aumenta il numero delle studentesse che sbarca il lunario esibendosi nei locali notturni! Sono scese in piazza per protestare davanti alla Hackney Town Hall a Londra per impedire la chiusura dei locali dove lavorano la sera per pagare le rette universitarie. E, dice il Corriere, inneggiano alla libertà di scelta e protestano contro la chiusura di una serie di locali di strip e lapdance in un quartiere londinese. STUDENTESSE E…