scandalo

Il gioco dell’Oca

Maria Elena Boschi non sarebbe mai dovuta diventare ministro e se il Parlamento negli anni non si fosse trasformato in una miserabile barberia, nemmeno avrebbe dovuto fare il deputato vista la sua inesistente cultura politica e cultura in senso lato. Però se questo suona irrealistico nell’Italia cialtrona e corrotta di oggi, è certo che anche nelle condizioni degrado morale, avrebbe dovuto abbandonare la poltrona dopo lo scandalo Banca Etruria nella…


ZH: LA BCE HA PERMESSO A DEUTSCHE BANK DI IMBROGLIARE NEGLI ULTIMI STRESS TEST

Zero Hedge riprende e commenta un articolo in cui il Financial Times accusa la Banca Centrale Europea di aver riservato indebitamente, contro il proprio regolamento, un trattamento di favore a Deutsche Bank – l’ormai decotta superbanca tedesca. Questo fatto, sebbene relativamente limitato, è l’evidenza che la flessibilità, quando serve (cioè quando serve a chi comanda) c’è e viene usata, perfino violando le regole. Ma ci sembra anche significativo che l’atto…


Derivati e deviati: l’assalto allo Stato

Come avrete letto su L’Espresso e in rete lo scandalo derivati sta travolgendo il Tesoro: l’anno scorso gli investimenti in scommesse fasulle e perse sono costati 3,6 miliardi mentre quest’anno la perdita arriverà a 5 (senza contare i 3,1 miliardi al tempo di Monti e altre operazioni di cui si sa poco o nulla per un totale di 16 miliardi già saldati a cui si aggiungeranno nel tempo altri 42…


No Picture

Scandalo “corsi d’oro”, sequestro 5 mln al deputato Genovese (Pd) e indagati

(AGI) – Messina, 21 mar. – Beni per 5 milioni di euro sono stati sequestrati da polizia e guardia di finanza nell’ambito dell’inchiesta “Corsi d’oro” sugli enti della formazione professionale di Messina per cui e’ stato chiesto l’arresto del deputato del Pd Francantonio Genovese. Il provvedimento del Gip di Messina e’ stato notificato ad oltre 30 istituti di credito presso i quali gli indagati hanno la disponibilita’ di circa 120…


No Picture

Record storico del debito pubblico, PIL fermo, Consumi prossimi allo zero, banche verso il fallimento… e lo Spread scende ai livelli del 2011!?

Il vero scandalo di questi giorni è che nessuno, ma proprio nessuno, si azzarda a commentare il “miracoloso” tonfo dello Spread che ha raggiunto il suo minimo dall’ottobre 2011. Ma come? Il BelPaese ha raggiunto il record storico dello stock di debito pubblico (ce lo ha detto la Banca d’Italia tre giorni fa), il record storico di rallentamento complessivo del PIL su base trimestrale (ce lo ha detto l’ISTAT una…


No Picture

Dopo lo scandalo MPS a Siena il PD crolla di 13 punti!

Il giorno dopo le politiche e a tre mesi dalle comunali dell’ultima domenica di maggio, il futuro del governo della città di Siena è un rebus. Lo è sul nome del candidato sindaco della formazione che ha egemonizzato il dopoguerra, adesso orfana di Franco Ceccuzzi. Ed è un rebus la stessa tenuta della coalizione di centro sinistra, divisa al proprio interno e insidiata all’esterno dall’eterogenea formazione che candida sindaco il…


No Picture

Scandalo in Salento. Lavoro nero: ricchezza o vergogna?

A due anni dallo scandalo della società Tecnova, un nuovo blitz della guardia di finanza nei parchi fotovoltaici del Salento ha portato a galla l’ennesimo caso di sfruttamento del lavoro nero. Le vittime? 564 extracomunitari irregolari.   VI RICORDATE ROSARNO? – Nel 2010, per la prima volta l’Italia ha assistito attonita alle scene diguerriglia urbana condotte con rabbia e ferocia da alcune centinaia di lavoratori extracomunitari impegnati nel settore agricolo nelle piane…


No Picture

Il salvataggio del Monte Paschi: la truffa continua

La domanda è questa: voi comprereste, con i soldi sudati con il vostro lavoro,  qualcosa che paghereste 5 volte il suo valore? Penso che nessun cretino  al mondo sarebbe disposto a spendere tanto, per una cosa che potrebbe essere acquistata sul mercato al prezzo ridotto ad un quinto. Questo ragionamento, fin troppo banale e scontato, sembra non interessi al Governo italiano che, nell’ambito del salvataggio della Banca Monte Paschi di…


No Picture

Volterra (PI) dove le utilitarie comunali percorrono 7km con un litro di benzina…

Nel Comune di Volterra (PI) governato da una “lista civica” legata mani e piedi ai partiti di centrodestra (Udc, Pdl, Lega, Destra) le opposizioni hanno verificato l’utilizzo delle auto comunali: utilitarie che secondo il conteggio km/consumi…. percorrono 7km con un litro!!! In pratica il doppio del normale: forse questo ha a che vedere con una serie di RIFORNIMENTI ANOMALI che sono stati riscontrati? Pieni gasolio effettuati con la scheda carburante…


No Picture

Cristina Rossello & “Mediobanca connection”

E’ lei, Cristina Rossello, potente sacerdotessa dei segreti (e misteri) legali di Mediobanca, una delle protagoniste del mistero del “papello d’oro” scomparso in piazzetta Cuccia. Di quell’incredibile spy story, appena consumatasi nell’ex tempio della finanza laica. L’ultimo atto (?) della telenovela assicurativa per il tormentato passaggio azionario di Premafin-Sai a Unipol. Una vendita con il finale avvelenato. Un fattaccio brutto che, con altri personaggi (e diversi interpreti) – non legati…


No Picture

Lo IOR raccontato dal Vaticano

Il Torrione quattrocentesco di Niccolò V è dall’inzio del secolo scorso la sede dello Ior. Sembra quasi essere posto a difesa delle mura stesse del Palazzo Apostolico dove vive e lavora il Pontefice. E invece spesso si trasforma in una debolezza per il Vaticano. Per fugare i fantasmi che evocano storie di mafia e di denaro sporco, con un’iniziativa senza precedenti, il direttore dello Ior, Paolo Cipriani, e tutta la…


No Picture

Adesso Gotti Tedeschi inizia ad aver paura

Ettore Gotti Tedeschi temeva di essere ucciso e aveva preparato – come polizza sulla vita – un memoriale sui i segreti dello IOR. L’ex presidente della cosiddetta banca vaticana, dal settembre 2009 al maggio 2012, aveva consegnato un paio di esemplari del dossier agli amici più fidati, con una postilla a voce: “Se mi ammazzano, qui dentro c’è la ragione della mia morte”. Martedì scorso, una copia del dossier sullo…


No Picture

Il Vaticano ti da una mano

C’è un continuo gioco di rimandi nell’inchiesta sul maggiordomo del Papa Paolo Gabriele. E sul ruolo che avrebbe rivestito negli ultimi mesi, quando era stato ormai accertato come numerosi documenti riservati fossero usciti dalle stanze del Vaticano. Dopo giorni di controlli e verifiche compiuti nel massimo riserbo ma tesi a individuare i suoi eventuali complici e soprattutto i suoi «terminali», continua a rimanere senza risposta un interrogativo diventato il cardine…


No Picture

Lega magnona

Una Pasqua nera per la Lega, travolta dallo scandalo dei soldi, ma una Pasqua serena almeno per i conti correnti dei senatori leghisti. I quali, pochi giorni prima che via Bellerio fosse perquisita dai carabinieri e Bossi si dimettesse da segretario, sotto il fuoco del dossier sui presunti (l’inchiesta è in corso) denari presi dal partito per«The Family», si sono visti bonificare dal partito (precisamente, dal conto del gruppo Lega…


No Picture

Scandalo in Vaticano!

Erano passate da poco le cinque del mattino quando ieri Paolo Gabriele, assistente di camera del Papa, è uscito dal suo appartamentodi via della Porta Angelica, a Città del Vaticano, dove vive con la moglie e i tre figli. Come ogni mattina Gabriele sarebbe entrato nell’appartamento pontificio per svegliare Benedetto XVI. Quasi sempre per controllare che fosse sveglio: il Papa è assai mattiniero. Gabriele è fra i pochi collaboratori stretti…


No Picture

Sarkozy messo all’angolo da Strauss Khan

Il Pavillon de la Reine è un hotel di lusso, dall’atmosfera ottocentesca, nel quartiere del Marais di Parigi. È qui che il 13 aprile ho appuntamento con Dominique Strauss-Kahn, nel primo incontro con la stampa dalla disgrazia che ha travolto quest’uomo per anni ai vertici del potere in Francia e nel mondo. DSK è molto più piccolo di quanto mi sarei aspettato, sul metro e settanta. Ci accomodiamo sui divani…



No Picture

Milano, il caso dei 4mila privilegiati con il pass

È un piccolo esercito di oltre 4mila componenti ufficiali, il “club” delle corsie preferenziali. Tanti sono i pass validi che permettono, al pari di un bus dell’Atm, di evitare code e ingorghi. Troppi, secondo la stessa amministrazione, che ha deciso una stretta. Perché, nel tempo, oltre a medici, forze dell’ordine e personale degli enti in servizio, si sono ingrossate le fila di politici, partiti, banche, aziende, politici e giornalisti. Ecco…