gheddafi

Basta guerre!

Il fantasma di M. Gheddafi: “Mmmhhh… è questa la vostra democrazia?”. L’Italia, dopo aver occupato, depredato e massacrato la Libia con l’invasione colonialista del 1911; dopo averla nuovamente bombardata , distrutta e ridotta al miserevole stato attuale nel 2011 nell’ambito dell’operazione imperialista e neo-colonialista programmata da USA, Francia, NATO e Qatar, oggi è già di fatto entrata per la terza volta , ancora sotto comando USA, e sotto l’egida della…


No Picture

Sotto sequestro il tesoro di Gheddafi

Radiocor – Il Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Roma ha messo sotto sequestro le partecipazioni azionarie detenute in Italia dai fondi libici Libyan Investment Authority (Lia) e Libyan Arab Foreign Investment Company (Lafico) in Unicredit, Eni, Finmeccanica, Juventus e Fiat, per un valore di 1,5 miliardi di euro. Il sequestro preventivo, apprende Radiocor, e’ stato disposto dal giudice della Corte d’Appello di Roma, Giuseppe Miccia, su…


No Picture

Bossi show, grida alla secessione. Poi minaccia i giornalisti: “Vi spacco la faccia”

Il Senatur parla anche di default e di rischio non passato: “Non è che uno va a Roma, schiaccia un bottone e si risolvono le cose”. Poi torna sulla Padania: “Nessuno può fermare i popoli, altrimenti finisce come Gheddafi”. Sul palco anche l’alleato Giulio Tremonti: “E’ lora di mettere gli uomini al posto dei lupi” Dolcetto e “pugni in faccia”, Bossi scatenato contro i giornalisti. La festa di Halloween in…


No Picture

I potenti della Terra scoprono solo oggi che Gheddafi era un tiranno

Non c’è da indignarsi se i soldati di Gheddafi hanno sequestrato quattro giornalisti italiani. A furia di chiamarla con altri nomi ci siamo dimenticati che cos’è la guerra. Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Italia hanno attaccato la Libia di cui Gheddafi era fino a pochi mesi fa il riconosciuto e legittimo leader. È ovvio che qualsiasi francese, inglese, americano o italiano, anche se civile, che si trovi oggi sul suolo…


No Picture

LIbia – La guerra incontenibile

L’invio di consulenti militari a Bengasi rappresenta il primo passo verso il temuto intervento sul terreno. Ma nonostante l’escalation, la pressione militare della Nato non ha sgretolato le forze di Gheddafi come sperato. Ora una soluzione rapida sembra un miraggio. I venti consulenti militari francesi, britannici e italiani inviati in Libia per aiutare i ribelli di Bengasi non rappresentano una forza di occupazione, in quanto sono appunto consulenti e non…


No Picture

Essere mercenario oggi

Un ritratto dei soldati pro Gheddafi nel racconto di un giovane imprigionato dai rivoltosi A dare man forte al Colonnello Muhammar Gheddafi a rinfoltendo le fila delle decine di migliaia di militati e paramilitari libici ci sono i mercenari. Provengono anche dall’estero. Dall’Europa. Ma prevalentemente giungono dall’Africa nera. Il Time è andato tra loro per descrivere la loro realtà. ADDESTRATI E PICCHIATI – Ha incontrato. Omar, 19enne dal sorriso debole,…


No Picture

WiMax, quell’asta che Gheddafi vinse senza fornire il servizio

Altri due anni di proroga per gli operatori inadempienti. Tra cui una società del leader libico Il WiMax piange. A due anni dall’asta per le frequenze in cui lo Stato italiano ha incassato 130 milioni di euro, molte delle società che hanno vinto la gara non hanno ancora cominciato a predisporre le infrastrutture per portare l’internet veloce anche nelle zone che soffrono di digital divide. Per ora, il servizio non…


No Picture

I mercenari di Gheddafi preparano un massacro ad Al Zawiyah e Tripoli

Il leader libico si serve di truppe straniere per riprendere il controllo del paeseIn Libia il regime di Gheddafi ha ormai perso il controllo della Cirenaica e di tutte le città delle costa eccetto Tripoli mentre prime rivolte si segnalano al sud e per domani l’opposizione si preparerebbe a una resa dei conti a Tripoli. Il rais libico starebbe per questo ammassando le truppe dei suoi fedeli a Tripoli mentre…


No Picture

“E se Gheddafi ci tira un missile?”

I timori del Cavaliere nei colloqui privati sui connazionali tra Tripoli e Bengasi, e il precedente di Lampedusa Mentre il colonnello Muhammar Gheddafi diventa un caso internazionale, sono sempre più palpabili i timori di Silvio Berlusconi a proposito dell’atteggiamento del leader libico nei confronti dell’Italia. Ne parla Francesco Bei su Repubblica: Raccontano che il Cavaliere sia rimasto scioccato dalla violenza verbale di Gheddafi. Soprattutto dalle accuse all’Italia — accuse reiterate…


No Picture

In Libia va tutto bene!

La Libia è un protettorato italiano o l’Italia è un protettorato libico? “Libia, la rivolta criptata (e la Farnesina, è muta). Sale a 84 il bilancio delle vittime nelle rivolte contro il regime di Tripoli. Da stamattina, anche Internet è fuori uso. E sulla rivolta in Libia è calato il buio. L’Italia – prima che l’Europa – è complice. Sta zitta, fa finta di nulla per proteggere interessi economici, nefandi…


No Picture

Libia, Silvio ha le mani macchiate di sangue!

Gheddafi ricatta l’Europa minacciando di riaprire le frontiere. I patti con il dittatore per il controllo dell’immigrazione li abbiamo fatti noi. L’odiosa politica delle frontiere promossa dal governo di Silvio Berlusconi e dal ministro leghista Roberto Maroni inizia a dare i suoi bravi frutti. I patti bilaterali mediante i quali l’esecutivo si è assicurato il controllo delle frontiere meridionali dell’Italia sono ora l’arma di ricatto principale con la quale Muhammar…



No Picture

Dall’amico George al Colonnello del Bunga Bunga

Chi non ha avuto un amico in difficoltà? L’imbarazzo di fronte a certe situazioni difficili ci impone un compassionevole silenzio. Silvio Berlusconi ha confessato di essere molto preoccupato per il suo amico Muammar Gheddafi, il dittatore libico che dopo 40 anni di regime potrebbe essere cacciato come già capitato con i suoi colleghi, prima il tunisino Ben Ali e poi l’egiziano Mubarak. Nessuna parola ovviamente per il popolo oppresso della…


No Picture

Anche la Libia è pronta ad esplodere!

Prime rivolte a Benghasi. L’onda di libertà nei paesi del Maghreb non si ferma. Tunisi è caduta; il Cairo è caduta. Nello Yemen la capitale San’a è da settimane animata da manifestazioni; in Giordania ed in Siria si segnalano focolai di protesta; in Iran l’onda verde dei giovani di Teheran ha ripreso le strade, con il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ad incoraggiare la rivolta. E, dicono le fonti…


No Picture

“Gheddafi controlla tutti gli appalti delle imprese italiane in Libia”: e Silvio lo sa?

E’ ancora un cable di Wikileaks a raccontarci la vera gestione degli affari nel paese del Colonnello. Muhammar Gheddafi, la sua famiglia e i suoi alleati politici hanno le mani in pasta ovunque in Libia. Controllano i traffici, ispezionano i contratti, autorizzano gli scambi e gestiscono un vasto sistema di potere corrotto in quella che si può definire senza nessuna paura di essere smentiti una “cleptocrazia”. Questo il giudizio che…