germania

No Picture

Fracking: la Germania dice “No, grazie”

In Germania, dove la sovranità conta qualcosa, preferiscono comprare gas da Putin piuttosto che distruggere l’ambiente dove vivono. In controtendenza la Germania, per quanto riguarda le attività di fracking, rispetto al resto del mondo. Mentre negli States si frattura allegramente ovunque, incluse le terre incontaminate delle comunità Amish, mentre l’Europa respinge la messa al bando, mentre in Italia si parla fumosamente di “aumentare la produzione di gas” senza menzionare l’elefante…


No Picture

La teutonica Germania rimpatria il suo oro!

Questa è una notizia che non può in alcun modo passare inosservatae, se dovesse essere confermata, dovrebbe lasciarci anche qualche preoccupazione. Secondo quanto riportato dal quotidiano economico Handelsblatt e rilanciato da La Stampa, la Germania sarebbe in procinto di rimpatriare l’oro conservato nelle varie banche centrali sparse per il mondo, e più precisamente presso la Federal Reserve e Banque de France. da La Stampa BERLINO La Bundesbank si appresta a rimpatriare una…


No Picture

Energiewende, in Germania significa: rivoluzione energetica

Transforming our energy system is more than just a challenge: it is also a fundamental ethical and cultural decision and offers the unique opportunity to show the world how competitiveness can be reconciled with sustainable development in a leading industrial nation.   Dal sito federale per l’Ambiente di Germania. Amen.  Energiewende si traduce in “trasformazione del sistema energetico” e si riferisce alla decisione del governo tedesco di abbandondare le fonti di energia nucleare e fossile in…


No Picture

La Germania dice “nein” all’Unione bancaria

Nella prima mattinata [del 13 dicembre 2012], dopo mesi di negoziati e 14 ore filate di trattativa finale, i ministri delle finanze dell’Unione Europea hanno raggiunto un accordo che apre la strada alla vigilanza centralizzata della Bce sulle banche europee. Anche questo accordo, come molte delle più recenti decisioni dell’Unione Europea, può essere letto in modi molto diversi. La lettura confortante è questa. L’Unione Europea ha fatto un passo avanti…


No Picture

La Germania NON ha mai abbandonato il Marco?

Sorpresa: in Germania il marco esiste ancora ed è vivo e vegeto. Ma non per quei programmi di ristampa che anche questo giornale ha raccontato nei minimi particolari e che a un certo punto dell’eurocrisi sono diventati una possibilità concreta, bensì perché di fatto non ha mai lasciato portafogli, cassetti, materassi e persino conti correnti. Lo ha verificato MF-Milano Finanza curiosando sul sito dell’Associazione delle banche tedesche (Bankenverdband), il corrispettivo…


No Picture

Dopo il Bondage arriva il Bundage!

Le Alpi non sono mai state così alte, finanziariamente parlando. Mentre ieri i rendimenti dei Btp a 10 anni viaggiavano ben oltre il 6%, il Tesoro tedesco – in un’asta di titoli a 12 mesi – riusciva a spuntare un rendimento negativo: -0,0540%. E’ una prima assoluta per i titoli a un anno. I biennali, invece, già si erano distinti la scorsa settimana, con un tasso finale del -0,06%. Nonostante…


No Picture

Le banche tedesche sono piene di titoli tossici

«La crisi finanziaria non è finita, anzi penso che siamo solo all’inizio. Continuerà ancora a lungo. Vedo che in Germania fanno i sostenuti e danno lezioni a tutti, ma prima o poi dovranno fare i conti con gli assett tossici custoditi dalle loro banche». Giulio Sapelli, docente di Storia economica all’Università Statale di Milano, è un uomo di analisi originali, radicata cultura e soprattutto ha una sana vocazione alla polemica…



No Picture

Il tramonto di un egemonia

Sono bastate poco più di due settimane per rovesciare la dinamica politica che ha dominato l´Europa negli ultimi due anni. Nelle prossime, sentiremo, probabilmente, parlare più di crescita che di austerità e rigore. E anche se la situazione, soprattutto dei paesi più deboli, resta fragile e precaria, non è detto che la svolta dispiaccia a mercati finanziari spaventati, in questo momento, soprattutto dalla recessione. Sono state due settimane che hanno…


No Picture

Presto la Germania si comprerà l’Italia! Indovinate grazie a chi?

Riesce lei dove non ce l’hanno fatta, a suo tempo, gli Usa La Germania conquista la Sicilia con l’usura, sottraendola agli Usa, ovvero effetti geostrategici d’un collasso economico. Un usuraio agisce aprendo crediti insostenibili alla vittima, accrescendone poi il debito attraverso ulteriori prestiti, resi inestinguibili proprio perché a tassi usurari e a lungo termine. Per l’Italia, tale processo cominciò nel 1981, col credito pubblico italiano in ascesa, ma non ancora…


No Picture

Asse Germania-Russia

Clicca sulla mappa per ingrandire La carta illustra le opportunità dell’asse Germania-Russia, sottolineato dalla linea verde. I nemici dell’Asse sono evidenziati in giallo, mentre il sole verde su sfondo blu rappresenta i partner principali. Nella mezzaluna tedesca i numeri corrispondono ai maggiori perni economici della zona. Le frecce rosse indicano i principali progetti di gasdotti. La rinuncia al nucleare renderà Berlino ancora più dipendente dal gas russo.   Tratto da…


No Picture

Gli orrori tossici della soya OGM mostrati dalla tv tedesca

Il rischio che l’Italia – attualmente uno dei pochi paesi OGM, grazie al “niet” dell’ex Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio – apra all’uso degli “organismi geneticamente modificati” è elevatissimo, visto che l’attuale ministro Clini è dichiaratamente favorevole all’impiego degli OGM. Questo governo, legato mani e piedi alle lobby dell’alta finanza, sicuramente proverà ad imporci gli OGM, di cui la Monsanto – azienda che fa capo a Rockfeller – è la massima…


No Picture

Flussi migratori verso la Germania

  La carta illustra la centralità della Germania nel contesto europeo. I paesi che hanno lo Stato tedesco come primo partner commerciale sono distinti da quelli che lo hanno come secondo; sono riconoscibili anche quelli che adottano il tedesco come lingua ufficiale. Le frecce indicano i flussi migratori verso la Germania, calcolati in migliaia l’anno.   Tratto da Repubblica.it


No Picture

Lo Ior trasferisce i suoi ricchissimi fondi dalle Banche italiane a quelle tedesche!

Ancora una volta lo Ior, il forziere del Vaticano, è sotto i riflettori da parte della Procura di Roma. Secondo quanto riferito da alcune agenzie citando «ambienti giudiziari», lo Ior avrebbe provveduto a trasferire gran parte dei fondi depositati presso nove banche italiane, di cui è cliente, fra le quali Intesa Sanpaolo e Unicredit, in istituti di credito tedeschi. Per quale ragione lo Ior avrebbe deciso di interrompere i rapporti…



No Picture

Il piano della Germania per dominare l’Europa

I Piigs cominciano ad avere il dubbio che dietro la strategia dell’austerità a tutti i costi del paese guidato dalla Merkel ci sia un tentativo di controllo del continente Non c’è due senza tre. Dopo aver provato per due volte a conquistare l’Europa nel ventesimo secolo grazie a due guerre mondiali, ora la Germania prova ad assoggettare a sé il continente usando il default sovrano. SCHNITTSKRIEG – Parola d’ordine: Schnittskrieg,…


No Picture

Ecco come sarà l’Europa del 2021

Benvenuti nell’Europa del 2021. Niall Ferguson, sul “Wall Street Journal”, immagina cosa sarà il Vecchio Continente 10 anni dopo la crisi attuale in un lungo articolo che è al primo posto tra quelli più letti sul sito del quotidiano americano. Ebbene, una decade dopo la crisi, passata non senza essersi presa lo scalpo di almeno 10 governi, Francia e Spagna inclusi, in Europa circola ancora l’euro, anche se più in…


No Picture

L’ultima vacanza dell’euro?

La burocrazia europea è lenta e la Germania si ostina a rifiutare l’unica medicina in grado di salvare l’euro e l’Europa, ossia accettare una responsabilità comune per il debito pubblico accumulato e rinunciare alla sovranità nazionale sulle politiche di bilancio. I mercati si sono insinuati in una delle tante crepe del sistema europeo, generando un ennesimo tracollo delle Borse e una nuova impennata dei tassi che ormai spingono la crisi…