fiat

No Picture

Più facile vincere a SuperEnalotto che credere a Marchionne…

È più facile, ma molto più facile, vincere al SuperEnalotto che credere a Sergio Marchionne quando giura che non ci sono state discriminazioni sindacali nelle assunzioni a Pomigliano. Del resto, la Fiat assicurava che anche i tre licenziamenti a Melfi fossero giustificati, mentre invece la sentenza del giudice è stata durissima: «Misure adottate per liberarsi di sindacalisti». A Pomigliano, prima ancora dei magistrati, è la matematica che condanna Marchionne. Nella…


No Picture

Con chi Industria?

1 – SQUINZI,UNA MISSIONE,OBIETTIVO CRESCITA… (ANSA) – “Questa presidenza di Confindustria per me è una missione”, dice Giorgio Squinzi, dopo la designazione a presidente di Confindustria. “Il mio obiettivo é essere il presidente di tutti”, dice. “Darò una spinta spinta importante nella direzione di trovare la crescita, questo paese ha bisogno di trovare la crescita”. 2 – SQUINZI, IO COME FREIRE, SCATTO AL TRAGUARDO… (ANSA) – “Sono contento. in termini…


No Picture

L’uomo del Monti ha dato carta bianca a Marchinonne! Presto la FIAT lascerà l’Italia?

1- MONTI APPOGGIA MARCHIONNE: “FIAT PUÒ SCEGLIERE DOVE INVESTIRE” La Fiat «non ha nessun dovere di ricordarsi solo dell´Italia» perché «chi gestisce Fiat ha il diritto e il dovere di scegliere per i suoi investimenti le localizzazioni più convenienti». Mario Monti dice questo di fronte alla platea di Confindustria, l´associazione degli imprenditori dalla quale il Lingotto si è delocalizzato alla fine del 2011. Il premier parla a ventiquattrore dal faccia…


No Picture

La FIAT ci minaccia di andare via!

  Leggendo i giornali di oggi apprendiamo che “La Fiat perde quote in Europa, dipende dalla situazione italiana”. Quindi ne deduco che l’azienda è in profonda crisi non per il fatto che fa auto decisamente fuori mercato! Non perchè i modelli base costano come un anno di lavoro di un impiegato! Non perchè una macchina come quelle che fa la Fiat, e sei uscito dal concessionario, vale subito la metà!…


No Picture

FIAT:Se continua lo sciopero delle bisarche dobbiamo chiudere gli stabilimenti italiani

1 – FIAT: A RISCHIO ATTIVITÀ STABILIMENTI PER SCIOPERO BISARCHE (LaPresse) – E’ a rischio l’attività degli stabilimenti italiani di Fiat a causa dello sciopero delle bisarche. Le perdite di produzione e di vendita dovute allo sciopero, rende noto l’azienda, sono ad oggi “di circa 20mila unità che sarà molto difficile recuperare nel corso dell’anno”. “I danni causati finora avranno un impatto negativo di circa il 10 per cento sulle…


No Picture

Auto decisamente sgarrupate per i nostri Ministri!

Più che di parco auto, sarebbe più giusto parlare di museo contemporaneo dell’automobile. I ministri del governo Monti saranno pure dei super professori, ma in fatto di gusti per le quattro ruote, tranne qualche eccezione, lasciano alquanto a desiderare. E, soprattutto, nonostante le polemiche che hanno caratterizzato il passato esecutivo, la scelta per la vettura privata è caduta soprattutto su modelli stranieri, in particolare tedeschi e giapponesi. Delle ultime novità…


No Picture

La FIAT-toria degli Animali

Alla Fiat va in onda “il Grande Fratello Contratto“, o “il cinegiornale Marchionne”, ovvero un nuovo modulo di comunicazione propagandistica che farà sicuramente epoca, condensato in un cd e in un apposito manualetto. Anzi, no. Alla Fiat va in onda un rigoroso documentario informativo che mette al corrente gli operai delle straordinarie opportunità che questo nuovo contratto offre loro. Siete disorientati? Avete ragione. Ecco perché, prima di spiegarvi di cosa…


No Picture

Il bluff di Marchionne tra Usa e Italia!

“Sono state sottostimate l’energia, la capacità e la padronanza che durante la crisi hanno sostenuto la gente che costituisce l’anima della Chrysler. Non vedo l’ora di continuare il nostro viaggio e scrivere un eccitante nuovo capitolo nel 2012”. Firmato Sergio Marchionne. Ecco a voi il Marchionne in versione yankee, quello prodigo di elogi per operai, impiegati e manager. Il Marchionne a stelle e strisce che anche ieri ha voluto complimentarsi…


No Picture

Fiat, Fiom verso sciopero generale il 16 dicembre contro disdette dei contratti

ROMA – La Fiom va verso lo sciopero generale di tutti i metalmeccanici per venerdì 16 dicembre. La proposta è arrivata dal segretario generale Maurizio Landini al Comitato centrale di oggi. Lo sciopero di quattro ore proposto da Landini è contro la decisione della Fiat di uscire dal contratto nazionale di categoria e di applicare a tutti gli 86.000 dipendenti del Gruppo l’accordo dello stabilimento di Pomigliano. «La decisione di…


No Picture

Ferrari e Maserati in allarme: e se le perdessimo?

Articolo tratto dal blog del MoVimento 5 Stelle Emilia Romagna: Alla Ferrari hanno un problema. Non è Fernando Alonso, nè Felipe Massa, ma neppure si chiama Red Bull o McLaren. Si chiama Sergio Marchionne, e contratto-Pomigliano. Ferrari fa parte del gruppo FIAT, e l’AD abruzzo-canadese vuole imporre quel modello di lavoro anche per il Cavallino Rampante e il Tridente della Maserati, che ha gli stabilimenti a Maranello e Modena. Oggi una…


No Picture

Elkann & Marpionne rottamati!!!

Orfana della Fiat, che cosa sarà di Confindustria? La risposta dipende principalmente dal destino di questo gruppo che per tanti anni ne ha ispirato la leadership, ma anche da come l’ associazione governerà le sue contraddizioni. Il rapporto tra la Fiat e l’ industria italiana, diciamolo in premessa, non è più quello di un tempo. Tra il 1945 e la fine degli anni 80, la Fiat di Valletta, del primo…


No Picture

L’Italia, ex colonia Fiat

Il presidente della Fiat John Elkan con il suo azionariato familiare coeso solo dal non spendere nelle attività industriali in particolare in Italia – visti anche i nuovi interessi finanziari asiatici – dopo aver dato l’incarico al suo ad di salvarlo con l’avventura americana da investimenti che nel mercato mondiale dell’auto, la famiglia Agnelli non è più in grado di sostenere, pensa di coprire la ritirata industriale dall’Italia scaricando le…


No Picture

Incontro di approfondimento “Fabbrica Italia – cosa c’è dietro l’accordo ed il referendum di Mirafiori?”

Si è tenuta ieri sera presso la sede dell’Associazione Amici di Beppe Grillo in Via Ganaceto 45 a Modena, la prima Lezione/Incontro che ha analizzato cosa di fatto è cambiato nella fabbrica torinese della Fiat e quali sostanziali cambiamenti produrrà negli assetti dei contratti del settore metalmeccanico. L’incontro che ha visto una buona partecipazione della cittadinanza modenese, è stato tenuto da Stefano Severino delegato Fisac – CGIL. Alcuni punti salienti…


No Picture

Fiat: anche noi giornalisti dovremmo schierarci

Primo dato. Quest’anno i capital gain di Marchionne sulle sue stock option Fiat potranno raggiungere i 120 milioni di euro. La tassa applicata a queste plusvalenze è del 12,5 per cento (breve inciso: in Spagna è del 15, in Francia del 27, in Germania è oltre il 20). Gli operai sulla cassa integrazione e sui loro salari pagano in media un’Irpef del 25 per cento. Non c’è quindi solo un…


No Picture

Quanto vale il bluff di Marchionne?

Marchionne (A.D. Fiat) condiziona la permanenza della Fiat in Italia a contratti di lavoro “duri”. Offre una scelta. Da un lato il lavoro; dall’altro i valori sociali e democratici. Così sembra. Marchionne sta bluffando (in parte). Sono convinto che accetterebbe di vincere senza stravincere – e di investire lo stesso in Italia – se il nostro movimento operaio non fosse in condizioni così pietose da invitarlo a tirare un po’…


No Picture

Esclusivo! Il piano segreto di Marchionne per sganciare la FIAT dall’Italia

A Torino gli ultimi operai della Fiat l’hanno soprannominato “lo Svizzero” (non solo per la residenza, ma anche per le stock options che in quel Paese sono tassate una miseria), mentre a Detroit e a Washington per tutti è “il canadese”. È questa forse la definizione più esatta per Sergio Marchionne, il manager che a 14 anni fu portato dal padre carabiniere a vivere in Ontario dove si è laureato…


No Picture

A che gioco gioca Marchionne?

Perché aspettare il 2012 per l’introduzione dei nuovi modelli? Colpa del mercato debole, o mossa strategica in attesa dello spin off? A che gioco gioca Marchionne? I dealer italiani di Fiat sono davvero preoccupati per la notizie del ritardo nell’introduzione di nuovi modelli del gruppo sul mercato. Il motivo immediato sarebbe il rinvio di alcuni investimenti disposto da Marchionne nell’autunno 2008 a ragione della crisi. I prodotti interessati sono vitali…