elezioni

Votare ad aprile con il Mattarellum? Improbabile, se non impossibile

Renzi ha ufficializzato la posizione del Pd favorevole al ripristino del Mattarellum (a quanto pare, con una variazione: la quota proporzionale non sarà solo del 25% ma del 50%) ed ha lasciato intendere la sua preferenza per il mese di aprile per le elezioni. Le due cose (mattarellum ed aprile) stanno insieme? Difficile, molto difficile. Vi spiego perchè. Della pretesa bontà del Mattarellum diremo nei prossimi giorni, qui ci limitiamo…


Austria: Globalisti e patrioti si affrontano sullo sfondo della UE

di Arturo Garcia Immigrazione, islamismo ed identità nazionale. L’Austria dibatte sulle questioni che segneranno il futuro europeo con una UE allontanatasi dai cittadini per causa delle politiche globaliste attuate da Bruxelles. Mancano cinque giorni all’elezione definitiva, adesso si, per il secondo round delle elezioni presidenziali austriache, l’ultimo dibattito tra i candidati è stato caratterizzato dalla questione immigrazione, islamismo e identità naturale. Il candidato dell’FPO, Norbert Hofer, ha criticato le decisioni…


Il tradimento dei chierichetti

Il mormorio contro la democrazia era cominciato fin dai primi minuti del fatale Brexit, ma adesso con l’elezioni di Trump l’indignazione contro gli elettori è divenuta incontenibile, al punto che Fabrizio Rondolino, noto voltagabbana premium, uomo per ogni stagione e mezza stagione, non si è trattenuto dal twittare la sua ultima corbelleria: “Il suffragio universale comincia a rappresentare un serio pericolo per la civiltà occidentale”. Naturalmente qui non si tratta di…


Media bugiardi, rottamati dal voto degli americani

Puoi imbrogliare qualcuno una volta, ma non puoi fregare sempre tutti. Un vecchio adagio, su cui ora sorride, imperscrutabile e beffarda, la parrucca dell’impresentabile Donald Trump, incidentalmente eletto presidente degli Stati Uniti d’America proprio il 9 novembre, anniversario del crollo del Muro di Berlino. L’uomo che ha stracciato la terribile Hillary, che ha reso patetica l’ultima recita di Obama, e che – soprattutto – ha smascherato la cialtroneria universale dei…


Trumpizzati e Hillarizzati

Da mesi e in modo bipartisan gira l’accostamento fra Trump e Berlusconi che serve agli uni per fare professione di fede nel miliardario e nei suoi “valori”, mentre è indispensabile agli altri per sostenere la guerrafondaia e corrotta Clinton. Ovviamente si tratta anche in questo caso di un mascheramento collettivo che partendo da alcune sommarie analogie, costruisce un facile teorema per tenere a dovuta distanza la realtà: Trump non c’entra…


L’America profonda si rivolta contro l’Establishment: Trump vince

di  Luciano Lago Nonostante il sostegno massiccio di Wall Street, delle grandi banche, delle corporations, dei mega media e le centinaia di milioni di dollari pagati da queste entità’ economiche alla Clinton, gli americani dell’America profonda hanno affossato la “madame” ed si sono pronunciati a favore di Donald Trump.  Persino negli Stati tradizionalmente appannaggio dei democratici, gli elettori americani, impoveriti dalla globalizzazione e dalle speculazioni della grande finanza, voltano le…


Non solo Afd, anche la Linke schiaffeggia Merkel

Le elezioni a Berlino, certo di gran lunga più importanti rispetto a quelle del Land rurale di Meclemburgo, lanciano segnali ulteriori e mostrano un panorama più complesso rispetto a quello semplicistico e grossolano che attribuisce il declino della Merkel e l’ascesa di Afd al problema immigrazione. In questo caso la Cdu è crollata al 17,6% perdendo quasi 6 punti, i socialdemocratici hanno subito una durissima batosta prendendo appena il 21,6%…


Elezioni a Berlino: un’altro schiaffo dall’Afd alla Merkel

Elezioni a Berlino, boom dell’Afd; arretra il Cdu della Merkel. Già nelle elezioni di due settimane fa in Meclemburgo-Pomerania, i  Socialdemocratici  del SPD e il CDU di Angela Merkel avevano subìto pesanti perdite, anche  nelle elezioni della Camera dei Rappresentanti di Berlino il risultato ha determinato un forte calo dei consensi . Chi si è affermato in questa occasione ed ha guadagnato enormi consensi è ancora il partito nazionalista AFD…


Schiaffo alla Merkel nelle elezioni in Meclemburgo-Pomerania

Schiaffo ad Angela Merkel nelle elezioni regionali in Meclemburgo Pomerania. Il partito della cancelliera tedesca, la Cdu, è stato scavalcato infatti dal partito di estrema destra Afd (Alternativa fuer Deutschland), che si sarebbe piazzato al secondo posto con il 21% dei voti, secondo gli exit poll. Al primo posto i socialdemocratici della Spd con il 30,5%, al terzo la Cdu con il 19%. Il voto odierno è considerato un test…


Elezioni Spagna, nessun effetto Brexit. Maggioranza relativa al PP. Fallito il sorpasso di Podemos al PSOE

Le elezioni spagnole confermano solo in parte le previsioni della vigilia. Nessun partito ottiene la maggioranza assoluta. Il PP guadagna il 5% rispetto alle precedenti elezioni, a Podemos non riesce il sorpasso al PSOE che resta seconda forza politica ma ottiene il peggiore risultato dal ritorno alla democrazia in Spagna. Nessun effetto Brexit in Spagna. Il Partito Popolare vince le elezioni con il 33% e ottiene 137 parlamentari, non sufficienti…


Arriva la conferma: in Austria brogli elettorali contro i populisti di Hofer

di Valerio Benedetti Vienna, 23 giu – Un mese fa gli austriaci sono stati chiamati a esprimersi sulla scelta del loro futuro presidente della repubblica. Il candidato del partito sovranista Norbert Hofer (Fpö), inizialmente in vantaggio, è stato scavalcato all’ultimo dal suo antagonista Alexander Van der Bellen, per questo osannato dalla stampa talebana del progressismo al caviale come il “salvatore della democrazia”. Eppure, già all’indomani dello spoglio, si erano diffuse…


“Stiamo votando per i sindaci, non per altro”: come nascondersi dietro un dito

Quando un elettore piddino è nell’angolo e non sa come difendere la sua posizione di fronte a chi gli rimprovera il job act, l’Italicum, l’attentato in corso contro la Costituzione eccetera, si rifugia infallibilmente in un argomento: “Ma adesso stiano votando per i sindaci, a queste altre cose penseremo dal 20 giugno in poi e Renzi non c’entra”. Ed ovviamente, manco a dirlo, il miglior candidato sindaco possibile è quello…


Il Pd deve aver paura, non i cittadini

Una delle piccole differenze fra un regime autoritario e una democrazia, almeno a livello prescrittivo, è questa: nel regime i cittadini devono aver paura del potere, nella democrazia il potere deve aver paura dei cittadini. Alla Boschi sfugge questa piccola differenza, così come ogni settimana le sfugge un boomerang comunicativo (cioè una cazzata), con massima esultanza di Crozza che ogni volta si ritrova con mezzo monologo già pronto. La Boschi…


Amministrative: il primo turno apre una transizione delicata

Ora possiamo tentare una riflessione più meditata e complessiva sul voto di domenica, con una premessa. In primo luogo, è bene chiarire che queste sono state elezioni amministrative ma solo di nome: è stato un voto altamente politico. Certamente, le elezioni amministrative hanno un valore politico ridotto dall’incidenza dei fattori locali, dalle singole candidature eccetera, ma questo non è sempre vero, non sempre si vota per il sindaco e basta….


Elezioni amministrative 2016, risultati: Roma, Raggi (35%) al ballottaggio con Giachetti; Bologna-Torino, Pd non sfonda

LA CRONACA – Non solo il trionfo del M5s nella Capitale e in parte a Torino, ma anche la sofferenza del Partito democratico in molte altre città. E lo dimostrano i silenzi dei candidati dem nelle principali città. A Napoli, ad esempio, la Valente non conquista neanche il ballottaggio. Partito di governo arranca anche in altri Comuni come Grosseto, Novara, Benevento. Confermati invece Salerno, Rimini e Cagliari dove però il…


Hofer, sconfitta aprioristica (poi toccherà a Trump e Le Pen)

di Eugenio Orso Da sempre sostengo che partecipando alle elezioni liberaldemocratiche non si può cambiare direzione. Le presidenziali austriache di domenica 22 maggio non fanno che confermare quanto dico. Norbert Hofer, apostrofato dai media servitori di Soros, della troika e del Pentagono come “razzista”, “xenofobo”, o “populista” per i più gentili, è stato “miracolosamente” sconfitto grazie al voto per corrispondenza (sic! Più facilmente manipolabile?), che ha incoronato presidente la marionetta…


FRANKFURTER ALL. ZEITUNG: ”VITTORIA DI PIRRO, QUELLA DEL PRESIDENTE AUSTRIACO. LA DESTRA VINCERA’ LE POLITICHE”

BERLINO – Il Frankfurter Allgemeine Zeitung non usa mezzi termini per definire la vittoria del “verde” Van Der Bellen eletto presidente dell’Austria: è una vera vittoria di Pirro. “I cittadini austriaci e molti cittadini europei hanno atteso con grande tensione l’esito delle elezioni presidenziali in Austria – scrive oggi in prima pagina il più autorevole quotidiano conservatore tedesco -. La vittoria, infatti, e’ stata assegnata sulla base di un pugno…


La strana democrazia a stelle e strisce: il 53% della popolazione si dichiara “contro” Hillary e Trump

Secondo un sondaggio del Washington Post e di Abc News, la maggioranza netta (il 53%) della popolazione nord-americana si dichiara “contro” sia Hillary Clinton sia il magnate repubblicano Trump, vale a dire i due candidati che a novembre si troverà costretta a scegliere come futuro presidente del paese. Nel sondaggio, lo sfidante democratico a Hillary, Bernie Sanders, al contrario, ha registrato solo il 38 per cento delle opinioni sfavorevoli. La…