Casini

No Picture

Lavoratori e Pensionati fate sacrifici, è per il bene del Paese, ce lo chiede l’Europa! Ma è davvero così?

Non so perché ma da qualche tempo con la scusa che occorre fare in fretta, che non c’è più tempo, che dobbiamo fare sacrifici per il bene del Paese, che siamo sul baratro, che dobbiamo stare attenti perché l’Europa ci osserva come un cecchino pronto a far risalire lo Spread, … l’uomo del Monti invece di attuare politiche volte a rilanciare il nostro Stato, progettare un orizzonte di reale crescita…


No Picture

Chi siederà sulla poltrona del Quirinale?

1- DA MONTI AL CAIMANO LA GUERRA DI SUCCESSIONE   Parte la rincorsa al Quirinale. Poltrona nobile attorno alla quale si ridisegnano tutti gli equilibri istituzionali e politici. Sarà un Parlamento nuovo a scegliere il futuro Capo dello Stato, un Parlamento la cui composizione oggi è impossibile da immaginare visto l’uragano con cui il tecnico Monti si è abbattuto sui partiti. E proprio l’ipotesi che il Professore alla fine possa…


No Picture

Qualcuno salvi il soldato Bersani

Walter, dacci la linea… Lo sfregio di Palermo era ancora fresco, i conteggi delle schede non ancora ultimati, quando alcuni seguaci dell’ex segretario Pd si sono riuniti con il loro leader, la sera del 5 marzo, per decidere se sferrare l’attacco decisivo a Pier Luigi Bersani, con una richiesta di dimissioni. La rivincita di quello che era successo esattamente tre anni fa, nel 2009, quando Veltroni lasciò la guida del…


No Picture

Scalatori in volata! Casini, Schifani, Prodi, Berlusconi, Dalema… a chi le chiavi del Quirinale?

All’appuntamento, il Big Game repubblicano, mancano ancora quattrocento giorni. Pochi, tanti? Dipende dai punti di vista. “Diciamolo chiaro, in un’altra epoca politica ora si parlerebbe solo di questo”, ammette una vecchia volpe come Enzo Carra che di elezioni presidenziali da giornalista, da portavoce della Dc e da deputato ne ha seguite parecchie. E che il tema, in effetti, sia il pensiero fisso degli inquilini del Palazzo lo dimostra la gaffe…


No Picture

I Partiti così come li abbiamo conosciuti sono morti. Cosa verrà dopo di loro?

Il proscioglimento di Silvio Berlusconi dall´accusa di corruzione nel caso Mills, per prescrizione del reato, ha sollevato, inevitabilmente, polemiche. E un sottile senso di inquietudine. Non solo perché, in questo modo, il Cavaliere è riuscito a sottrarsi, di nuovo, al giudizio. Ma soprattutto perché ha rammentato a tutti che Berlusconi non se n´è andato, ma è sempre lì. Anzi, qui. Con gli stessi vizi di sempre. Da ciò l´altro motivo…


No Picture

Tutti i Partiti verso il fallimento!

C’è qualcuno che già lavora per candidare Monti nel 2013? Ecco, siamo di nuovo lì. A quella prima pagina del Manifesto del ’95, governo Dini, quando la sinistra si chiedeva “Baciamo il rospo?”. Quindici anni dopo c’è Mario Monti a dividere il campo, a destra ma soprattutto a sinistra. Il Pd è attraversato da sospetti, acuiti dall’intervista rilasciata ieri da Walter Veltroni a Repubblica. Il governo ha un profilo “riformista”…


No Picture

Ecco i redditi dichiarati da Brunetta, Casini, Di Pietro, Veltroni…

Ecco alcune delle dichiarazioni dei redditi pubblicate sul sito delle Camere (solo 224 su 945 hanno acettato). Sotto i centocinquantamila euro ovviamente “non sei nessuno”, ma resta un dubbio: poichè gadagnano oltre 12000 euro al mese solo come parlamentari, quanto devono dedurre e come per stare così bassi?… Brunetta Da Ravello alle Cinque Terre proprietà con panorama-mare   Inizia la legislatura – ancora single – vantando una casa con terreno a…


No Picture

Dead Vitalizio Walking!

Qualcuno li ha già ribattezzati i «dead vitalizio walking». Sono i deputati che stanno nella lista, in possesso dei presidenti delle Camere (e del Riformista), di coloro che dal 2013 rimarranno (e a lungo) senza vitalizio. Da Mussolini a Cosentino, passando per la Melandri. Scriveva Victor Hugo ne ‘I miserabili’ che fortuna è «una cosa schifosa». E che la «sua falsa rassomiglianza col merito inganna gli uomini». Una magra, magrissima,…


No Picture

Con Casini (e le Tangenti) si Vola!

Un bancomat per la politica. I subappalti dell’Enav sono stati sempre questo. Soldi pubblici trasformati in tangenti private. Un circuito senza controllo perché la ferrea lottizzazione del consiglio di amministrazione dell’ente di assistenza al volo serviva solo a regolare il traffico: dagli appalti, ovviamente senza gara, ai partiti. Era un sistema strutturato, oliato, sfacciato. Tangentizio. A ciascuno la sua prebenda, la sua azienda «affiliata», le sue fondazioni da foraggiare. Ma…


No Picture

Il nuovo che è avanzato… I due miliardi di “contributi” che Casini dimenticò

Il Giornale ricorda una vecchia polemica tra Pomicino e mister Caltagirone   Che i compagni di merende del terzo polo raccolgano in sé il sintagma dell’impresentabilità (Udc) e dell’ottusità (Fli, che ci ha messo 18 anni a capire che Berlusconi è Berlusconi) è un dato di fatto difficilmente smentibile. Ma oggi il Giornale, in un articolo a firma di Gian Marco Chiocci, ci ricorda un simpatico aneddoto che riguarda gli…


No Picture

Se cade il Governo il Vitalizio che fine fa?

Con due mesi di ritardo sulla Storia. Dall’Otto Settembre all’Otto Novembre. Di martedì. Nel foglietto davanti a sé, carta minuta con l’intestazione della Camera dei deputati, il neopremier di minoranza (e dimissionario a parole) ne segna otto di traditori. In realtà i badogliani del centrodestra sono più di una decina. L’ultimo arriva dopo il voto disastroso sul rendiconto. È buio e piove. Luigi Vitali si precipita a dichiarare: “Berlusconi rassegni…


No Picture

Cirino Pomicino, il traghettatore di Berluscones verso Casini…

Come certi ex campioni incapaci di ritirarsi, Paolo Cirino Pomicino vive ai margini del suo ambiente pur di starci. Ha settantadue anni, la stessa intelligenza di sempre e potrebbe fare qualsiasi cosa. Ma nessuno vuole qualcosa da lui. Così si accontenta di fare il consigliori nell’Udc e, per darsi tono,si proclama il Luciano Moggi della politica italiana. Come Lucky individuava il calciatore inquieto pronto a traslocare nella Juve per pochi…


No Picture

Appena due mesi fa difendeva il Bunga Bunga a colpi di tacco… adesso l’aspettiamo con ansia al prossimo FamilyDay di Casini!

Ecco, il treno è partito e d´ora innanzi bisognerà abituarsi a fughe tempestivamente ardimentose come questa dell´onorevole Gabriella Carlucci che appena due mesi fa aveva attaccato l´ufficio stampa “comunista” di Madonna, colpevole di aver emesso un giudizio negativo sul presidente Berlusconi.    Per difendere il quale, d´altra parte, nell´aprile scorso, in pieno sconvolgimento da bunga bunga, aveva speso – e oggi forse si può dire che aveva dissipato – la…