Bce

No Picture

L’Europa della Goldman Sachs

La BCE ha erogato 498 miliardi di euro alle banche europee al tasso dell’ 1% per tre anni. A fine febbraio è previsto un altro mega prestito di 400 miliardi alle stesse condizioni. Lo scopo dichiarato è nobile, far ripartire l’economia con finanziamenti alle imprese. I soldi sono ovviamente nostri, pagati attraverso l’aumento dell’inflazione e la sottrazione di agevolazioni degli Stati all’economia reale. Ricordo di passaggio che il sistema bancario…


No Picture

2012, per la Grecia o la va o la spacca!

Il 2012 sarà l’anno che sancirà il destino della Grecia. Dopo i due piani di salvataggio organizzati da Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea ed Europa negli ultimi 24 mesi non bastano. La ristrutturazione del debito, 365 miliardi di euro secondo le stime del Fmi, continua a subire ritardi. Troppe sono le svalutazioni richieste per i creditori privati, che vogliono lo stesso trattamento di quelli pubblici. La partita si gioca…


No Picture

Fuga dall’Euro!

TORNA IL PROTEZIONISMO: FONDI E BANCHE CENTRALI IN RITIRATA DALL’EUROPA… «Nel medio termine gli attuali movimenti globali della liquidità rischiano di mettere in pericolo i mercati dei capitali». È l’8 novembre scorso. Mark Carney, governatore della Banca centrale del Canada, parla alla Camera di commercio di Canada-Gran Bretagna. E, con poche parole, va dritto al punto: quello che sta distruggendo l’economia mondiale (ma la vera vittima è l’Europa) è il…


No Picture

Le dimissioni sono il minimo

Silvio Berlusconi è stato sconfitto non dalla sinistra ma dai mercati internazionali, dice Fabrizio Cicchitto alla Camera durante il dibattito per la legge sulla stabilità. Ora quindi la domanda rimane aperta: chi ha armato la mano dei vincitori? In area comunista e in quella del Popolo delle Libertà l’idea è la stessa: un non ben precisato complotto internazionale guidato ieri dalla Bce e oggi dalla Goldman Sachs, che ha in…


No Picture

Papandreu nel Bunker!

Più che una precisa strategia il referendum di Papandreou richiama una mossa d’azzardo, l’ultima carta per un politico alle corde: stretto dalla comunità internazionale, assediato da una pubblica opinione sempre più ostile, con un partito – il Pasok – sempre più inquieto e una maggioranza che si sfalda di giorno in giorno. Forza la mano Papandreou: conferma l’ipotesi referendum , annuncia spavaldo che venerdì otterrà la fiducia e – colpo…


No Picture

L’Europa ci molla? Manovra fatta e strafatta… e alla BCE si chiedono se sia ancora il caso di comprare i nostri Bond

Anche ieri la Banca centrale europea è stata vista sostenere il mercato acquistando bond italiani. Ma l’intervento ha offerto solo un sollievo temporaneo. E lo spread fra i titoli di stato italiani decennali e i bund tedeschi ha ripreso ad aumentare, con un rendimento del 5,25. A pesare sui btp è stata soprattutto la continua incertezza sulla manovra correttiva dei conti pubblici italiani. E nelle ultime quattro settimane gli spread…


No Picture

Irresponsabilità nazionale

Allora, vediamo di capirci. Se è la BCE che impone di tagliare la spesa pubblica, aumentare le tasse, dilazionare le pensioni, privatizzare le aziende pubbliche e via discorrendo, allora che lo faccia la BCE. Trichet viene in Italia, si organizza una conferenza stampa in cui presenta il suo piano, firma il decreto, va da Napolitano e se lo fa controfirmare, lo fa pubblicare, poi avvia l’iter parlamentare di conversione. Ecco,…


No Picture

Italia – Un paese sotto tutela

“Povera Italia”, titola l’Espresso con sullo sfondo il simbolo frantumato di un euro tricolore. “Le borse a picco, l’euro alle corde, Obama e gli Usa alla mercè dei mercati. Ma ora nell’occhio del ciclone c’è proprio il nostro paese. Con un governo commissariato dall’Ue e incapace di misure adeguate”. Secondo il settimanale romano, le responsabilità di questa grave situazione economica sono da additare alla “pochezza del governo italiano”, un esecutivo…


No Picture

Crisi del Debito – Non c’è tempo da perdere!

Anche se sono d’accordo sulla diagnosi dei mali che affliggono la finanza mondiale e in particolare l’eurozona, i governi europei agiscono in ordine sparso e non sembrano rendersi conto della gravità della situazione. Tuttavia, osserva Mediapart, il tempo stringe e delle soluzioni esistono. Si sono parlati! Questa sola informazione dovrebbe bastare a rassicurarci. In piene vacanze estive, i responsabili dei principali governi e delle autorità monetarie occidentali, i membri del…


No Picture

L’ultima vacanza dell’euro?

La burocrazia europea è lenta e la Germania si ostina a rifiutare l’unica medicina in grado di salvare l’euro e l’Europa, ossia accettare una responsabilità comune per il debito pubblico accumulato e rinunciare alla sovranità nazionale sulle politiche di bilancio. I mercati si sono insinuati in una delle tante crepe del sistema europeo, generando un ennesimo tracollo delle Borse e una nuova impennata dei tassi che ormai spingono la crisi…