Ankara

Allarme nel Mediterraneo: 14 navi da guerra turche fortemente armate navigano fuori controllo

Da Redazione. Una autentica flotta di navi da guerra formata da 14 unità’ turche, fortemente armate fino ai denti, sta navigando al di fuori di ogni controllo statale, dirigendosi  a quanto sembra verso l’Egeo o il Mar Ionio per sfuggire alle epurazioni attuate dal Governo di Ankara. Come rivelato da alcune fonti, fra cui Il Times, sono state segnalate queste 14 unità’ della Marina turca fortemente armate che navigano verso…


Una cosa è certa: la Superpotenza è stata sfidata impunemente

Di Maurizio Blondet Da Baton Rouge ad Ankara, non è detto che gli eventi – del resto in tumultuoso sviluppo – siano quello che sembrano. Una cosa però è reale e vera: Erdogan ha umiliato ed offeso l’unica Superpotenza rimasta, e detta Superpotenza non è in grado di reagire, di punire, e nemmeno di minacciare. Un governante con sufficienti forze armate proprie, ha potuto chiudere Incirlik, la base più importante…


Europa e Turchia: il risveglio del panturan e il cristiano rinnegato

di Bruno Scapini – Ambasciatore Non v’è dubbio. La vicenda del comico tedesco Jan Boehmermann è diventata emblematica della soggezione europea alla prepotenza di Erdogan. Ben sappiamo, infatti, come la satira politica sia comunemente accettata nella cultura europea risalendo peraltro essa ad una espressione artistica dell’antica Roma, ove, sul “palcoscenico”, il comico di turno si poteva concedere a sottili frecciate satiriche addirittura nei confronti dello stesso Imperatore senza essere per…


Come leggere i nuovi attentati ad Ankara ed in Costa d’Avorio

A poche ore di distanza, un’auto imbottita di esplosivo si schianta contro un tram ad Ankara, facendo decide di morti ed un commando armato di kalashnikov sbarca all’improvviso su una spiaggia ivoriana e massacra i turisti che trova. La singolare coincidenza di tempi farebbe pensare ad attentati coordinati fra loro, ma così non è (o, per lo meno, non ci sono elementi di sorta che lo facciano pensare), si tratta…


Turchia: dopo l’esplosione Ankara passa all’attacco

E’ salito a 37 il numero delle vittime dell’attentato di ieri nella capitale turca. Il presidente Erdogan promette: “metteremo in ginocchio il terrorismo”. L’aviazione turca bombarda il Pkk nel nord dell’Iraq di Roberto Prinzi Nena News – E’ salito stamattina a 37 il numero delle vittime del devastante attentato di ieri sera ad Ankara a piazza Kizilay. Ad affermarlo è stato oggi il ministro della salute Mehmet Muezzingoglu. “Questa mattina –…


Nuovo attacco terroristico ad Ankara: autobomba ha causato la morte di 34 persone

Un attentato terroristico si è verificato questa sera in una zona centrale di Ankara.  Si  è verificata una esplosione  domenica sera nel centro di Ankara che ha provocato almeno 34 morti, inclusi due kamikaze, e 125 feriti, dei quali 19 in condizioni critiche. Lo riferisce l’ufficio del governatore locale. Si tratta della prima dichiarazione ufficiale delle autorità turche sull’attentato che, secondo le Tv locali, è stato originato da un’autobomba fatta…


Russia, Ministero degli Esteri: La Turchia invia armi ai terroristi in Siria nei camion con aiuti umanitari

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha anche deplorato il fatto che i giornalisti turchi che riportano questa notizia sono perseguiti da Ankara. I convogli di aiuti umanitari che vanno dalla Turchia alla Siria contengono armi per i terroristi che lottano contro il governo siriano, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov citato da TASS. “Una sfida particolare è quella di interrompere la fornitura dia rmi terroristidall’esterno,…


Attentati in Turchia: Il “neo sultano” Erdogan raccoglie la tempesta che ha seminato in Siria

“Nelle ultime 24 ore in Turchia ci sono stati due attentati, che in totale hanno causato più di trenta morti. Il primo è avvenuto nella capitale Ankara, il secondo nel sudest del paese. Ecco cosa sappiamo finora dei due attacchi. L’attentato di Ankara. Un’autobomba è esplosa nel centro della capitale nel tardo pomeriggio del 17 febbraio, mentre stava passando un bus che trasportava dei militari. Almeno 28 persone sono morte…


SIRIA: Inizia l’atto finale

Ad Ankara ed a Rijad deve essere difficile trovare oggi giorno l’occasione per un degno riposo, visto il crollo della prospettiva di uno stato sunnita da realizzare in una grande fascia di territorio della Siria, prospettiva che inseguivano i governo di Rijad ed Ankara e che adesso si allontana, grazie all’avanzata delle forze siriane a nord di Aleppo che rischiano di tagliare le vie di rifornimento dalla Turchia alle forze…


Funzionari turchi costretti a denunciare coloro che criticano Erdogan

Ankara aumenta la pressione sugli oppositori nel contesto della crescente attività del Partito dei lavoratori del Kurdistan. Il governatore della provincia turca di Isparta, Vahdettin Ozkan, ha invitato tutti i funzionari a riferire alla polizia i casi di insulti contro il presidente Recep Tayyip Erdogan e il suo governo. Lo riporta il quotidiano ‘The Times’. “La libertà di espressione in Turchia ha raggiunto minimi storici”, ha dichiarato il rappresentante della…


Il “neo sultano” turco Erdogan si agita furibondo per lo “sputtanamento mondiale” subito ad opera di Putin

Non sappiamo come finirà l’attuale acrisi nei rapporti tra Russia e Turchia ma una cosa è certa: la denuncia fatta da Vladimir Putin sul doppio gioco mantenuto dalla Turchia con il terrorismo dell’ISIS e degli altri gruppi che operano in Siria, possiamo prevedere che causerà molti più danni al governo del “neo sultano” Recep T. Erdogan di quanti ne avrebbe potuto causare una rappresaglia di tipo militare per vendicare l’abbattimento…


Le “ragioni politiche” della Turchia dietro la decisione di abbattere un aereo russo

Le mosse di Ankara minano le possibilità di pace in Siria L’abbattimento del caccia russo, che non rappresentava alcuna minaccia per la Turchia, dimostra la “disperazione assoluta” che attualmente prevale tra gli attori che promuovono un cambio di regime in Siria e dietro questa mossa potrebbe nascondersi una manovra diversiva, sostiene Ranj Alaaldin, analista dell’Independent ed esperto sul Medio Oriente. In un articolo per l’Indipendent, l’esperto sul Medio Oriente, Ranj…


No Picture

Il Mondo visto da Ankara

La Turchia, pur non essendo araba vuole diventare il modello di democrazia islamica dei paesi della regione. Il primo ministro Erdogan è stato particolarmene attivo nel 2011 in politica estera, muovendosi in due direzioni: avvicinamento ai popoli protagonisti della primavera araba e allontanamento da Israele. A dividere Ankara dallo Stato ebraico non solo la questione della Mavi Marmara ma anche lo sfruttamento delle risorse energetiche nel Mediterraneo Orientale.   Tratto…