Attualità

Le “finestre” dello spot non hanno limiti

Stamattina accendo il pc e mi trovo con la sorpresa di un mega upgrade di Win 10 che mi lascia in panne per più di un’ora in attesa del montaggio: in realtà, come ho scoperto dopo, più che di un aggiornamento si tratta di un nuovo sistema operativo, di un Win 11 che sta andando in distribuzione in queste settimane e che farebbe pensare a una diversa strategia di Microsoft diretta a una…

Read More

Sarà il 2017 l’anno della crisi finale della Ue?

Le elezioni olandesi hanno prodotto una ondata di euforia nei ranghi della politica dominante e dei mass media al loro seguito: “l’ondata populista si ferma. La Ue si sta salvando”. Euforia, per certi versi eccessiva, anche se l’analisi coglie un dato vero: il rallentamento della pressione antieuropeista. Ma anche su questo punto qualche riflessione in più il dato la merita: vero è che il partito di Wilders si aggira intorno…


La sentenza della Corte Costituzionale sulla legge elettorale: analisi delle motivazioni

E’ arrivata la motivazione della sentenza della Corte Costituzionale sulla legge elettorale che conferma tutte le riflessioni negative che avevamo avanzato al momento delle pubblicazione del dispositivo: la Corte ha girato intorno al tema senza affrontarlo seriamente ed ha prodotto un pasticcio peggiore di quello che c’era prima. I punti su cui la sentenza fa acqua sono due: quale sia il margine di torsione sostenibile del principio di rappresentanza ed…


Bologna e la violenza dei renzoidi

Fanno benissimo gli studenti di Bologna, dopo le manifestazioni dei giorni scorsi, a chiedere l’allontanamento del rettore Ubertini: non tanto per aver chiamato la polizia a dare lezione ai cosiddetti facinorosi,  quanto per il fatto che egli rappresenta a pieno la mutazione renzusconiana della scuola, ovvero quella sedicente modernità da scopiazzatura di altri modelli che poi si traduce nella privatizzazione degli studi e nel contempo nel mantenimento di tutte le opacità baronal…


2017 Perché D’Alema ha tirato il freno a mano?

D’Alema ha annunciato che, per ora, non ci sarà nessuna scissione: è una ritirata? Non proprio. Anzi, da un punto di vista formale, il discorso non fa una piega: nell’assemblea del 28 gennaio, aveva detto che se non ci fosse stato il congresso prima delle politiche, sarebbe scattato il “liberi tutti”, cioè la scissione. A quanto pare le elezioni si stanno allontanando e per Renzi è sempre più complicato evitare…


La sentenza della Corte Costituzionale: un commento a caldo

Dopo una attesa interminabile abbiamo finalmente la sentenza sull’Italicum: resta il premio di maggioranza, saltano ballottaggio,  capilista bloccati e candidature plurime, non sappiamo nulla sulle soglie di sbarramento (vedremo nelle motivazioni). In teoria il sistema è pronto per votare, anche se è diverso fra Camera e Senato, ma ci sono diverse questioni che, nelle more dell’armonizzazione delle leggi fra i due rami del Parlamento, potrebbero risorgere (coalizioni, ampiezza collegi, preferenza…


Quale cultura politica nel mondo della globalizzazione?

La globalizzazione ha ormai un buon quarto di secolo, ma stenta ancora ad esserci una cultura politica del tempo della globalizzazione, se si esclude qualche accenno. Proviamo a capire perchè. Siamo ancora lontani dall’aver composto una “grammatica” della globalizzazione, vale a dire del nostro tempo. Molti singoli fenomeni (dall’immigrazione al web, dall’integrazione finanziaria mondiale alla comparsa dei fondamentalismi, dalla affermazione di una governance mondiale tecnocratica alla comparsa dei populismi) trovano…


Elogio del M5s. Ovvero: se non ci fosse dovremmo inventarlo

La storiaccia del Parlamento di Strasburgo ha scatenato nemici vecchi e nuovi del movimento, che si sono esercitati nell’arte del dileggio. Un buon esempio è dato dall’articolo di Ezio Mauro su Repubblica il 12 gennaio 2013: “mancanza di sostanza, di qualità e addirittura di significato politico… Nessuna discussione, nessun dibattito, soprattutto nessuna passione: politica, storica, culturale, […] un movimento perennemente allo stato gassoso che non riesce a consolidare alcunché, perché…


Casinalbo sprofonda nel degrado

In questi giorni – spiega il portavoce Rocco Cipriano – abbiamo fatto un sopralluogo nella frazione di Casinalbo per constatare la situazione che a detta dei residenti è ormai al limite della decenza. Ricordiamo che agli inizi di agosto, in tutta fretta l’Amministrazione aveva dato il via all’abbattimento di diversi tigli per attuare un intervento, da molti giudicato invasivo e costoso, ovvero la costruzione della nuova rotonda tra via bassa Paolucci…


Non sprechiamo il potenziale dei Comitati per il NO

Volentieri segnalo questo appello che giustamente rilancia il fatto che il potenziale emerso durante la campagna per il NO non vada sprecato, ma prosegua il suo percorso politico e sociale. Già nei giorni successivi al referendum avevo segnalato come ci fosse un grande patrimonio di persone, militanti, giovani che si è attivato nei mesi scorsi o che è tornato alla politica dopo tanti anni che sarebbe colpevole lasciar tornare nell’inattività….


Fuga dall’euro, dalla demonizzazione alle conversioni

Le cose stanno maturando e con molta probabilità il 2017 sarà l’anno in cui le tesi dei gufi, dei populisti, degli eurocritici e degli antagonisti, prenderanno corpo perché è chiaro che la situazione del Paese va precipitando e che – rebus sic stantibus – ovvero rimanendo in campo l’euro e i trattati capestro europei si potrebbe arrivare in pochi anni a situazioni estreme che potrebbero far saltare i ceti dirigenti…


Ma ora chi pensa alle riforme economiche?

Articolo apparso su FIRSTonline  La crisi formale è stata risolta in tempi molto rapidi e nessuno mette in dubbio la buona volontà del neopresidente Paolo Gentiloni ma è indubbio che gli esiti del referendum hanno aperto la campagna elettorale. Che si annuncia lunga: se si votasse nell’autunno del 2017, sarebbe di 10 mesi con il governo ben attento a non toccare gli interessi di potenziali elettori. Appare dunque realistico affermare che…


Rimborso totale per gli azionisti delle banche popolari venete

di David Borrelli (M5S Europa) e MoVimento 5 Stelle Veneto Rimborso totale per gli azionisti di Veneto Banca e Banca popolare di Vicenza. Questo è ciò che vogliamo ottenere attraverso l’importante iniziativa che abbiamo organizzato. Stiamo ricorrendo alla Corte Europea per tutelare i risparmiatori danneggiati dal dissesto di queste banche, ed evidenziare le omissioni dello Stato italiano in loro difesa. Riteniamo infatti che chi doveva controllare – come Bankitalia e…


In Belgio si sperimenta la repressione giudiziaria

Gli esperimenti avanzati dell’oligarchismo neo liberista continentale vengono condotti in Paesi marginali, dove insieme a maggiore facilità di manovra, hanno meno probabilità di arrivare alle cronache mainstream, di essere conosciuti nel dettaglio, di suscitare reazioni negative nell’opinione pubblica o di avere effetti destabilizzanti per l’Eu e il sistema occidentale in caso di fallimento. E’ stato così per la riduzione in schiavitù della Grecia che, a differenza dei Paesi baltici, messi assai peggio,…


L’attentato di Smirne e la crisi della Turchia: che succede?

Nuovo attentato in Turchia, questa volta davanti al palazzo di Giustizia di Smirne e, come al solito, le notizie sono frammentarie, contraddittorie, parziali. Ha senso cercare di capirci qualcosa  con così pochi elementi? Si ha senso, purché si sia prudenti. Un lettore di questo blog mi ha rimproverato di aver scritto due pezzi sugli attentati di Berlino, Istanbul ecc sulla base di pochi elementi, quel che, a suo avviso, avrebbe…


Notizie non verificate da 2000 anni

Continua imperterrita la campagna contro quelle che vengono definite le fake news o la post verità o più familiarmente le bufale del web: significativamente non si parla mai o quasi di bugie o di menzogne ovvero della sostanza, ma si fa ricorso a frasi fatte dell’anonimato globale di lingua inglese, a eufemismi elitari oppure al linguaggio popolare, cercando di evitare parole compromettenti per chi fa dell’infingimento una professione. Certo ogni potere fin da…


La banca italiana più pericolosa: Mps o Intesa-Sanpaolo?

Attualmente nell’occhio del ciclone c’è il Monte dei Paschi di Siena (Mps) e poi le due famigerate banche venete. Ma non c’è solo il bail-in, cui pensare. Nell’ottica dei risparmiatori, la banca più pericolosa è semmai Banca Intesa. I tiri mancini del Mps risalgono al passato e indubbiamente l’elenco completo sarebbe lungo: le obbligazioni subordinate rifilate per scalare la Banca Antonveneta, prodotti finanziari tossici quali ‘For You’ o ‘My Way’,…


Vogliono mettere il M5s fuorilegge: ecco come e perchè

Come abbiamo letto sulla stampa, il 13 gennaio prossimo, il tribunale civile di Roma dovrà decidere su un ricorso presentato dall’avv. Venerando Monello per conto delle senatrici Monica Cirinnà e Stella Bianchi (entrambe del Pd) che solleva la questione della legittimità costituzionale del M5s e, di conseguenza, della  sua ammissibilità alle elezioni di ogni ordine e grado. Ciò in riferimento al cd “contratto” che i candidati del M5s dovrebbero sottoscrivere…