Ambiente


No Picture

Fracking: perché in Europa no e in America sì

BRUXELLES – Fracking: il metodo di perforazione del sottosuolo che sta dando all’America il primato nel mercato energetico mondiale difficilmente potrà essere praticato in Europa. Grazie allo sfruttamento delle riserve di petrolio e di gas non convenzionali gli Stati Uniti, secondo l’Aie, l’Agenzia internazionale dell’energia, nel 2020 supereranno l’Arabia Saudita e diventeranno il primo produttore di idrocarburi al mondo. Con tutte le sue conseguenze geopolitiche ed economiche. Tutto questo grazie…


No Picture

Cannabis contro il cancro, arrivano nuove conferme

Con nuovi studi a confermarne l’efficacia, aumenta tra i ricercatori la convinzione che il cannabidiolo (Cbd) presente nella marijuana rallenta la crescita delle cellule tumorali e inibisce la formazione di cellule che nutrono i tumori, contribuendo così a combattere il cancro e le metastasi. Già note, poi, le capacità di queste sostanze di ridurre il dolore, la nausea e altri effetti correlati alla malattia e alla chemioterapia. Come riporta il…


No Picture

In Svezia la serra nel grattacielo per un’agricoltura urbana in vertical farm

Con i suoi 54 metri di altezza, il nuovo “plantscraper” ospiterà centinaia di colture utilizzando un sistema innovativo agricolo che può fare a meno del suolo. La Svezia fa dunque da apripista ma presto le piante potrebbero coltivate in questi grattacieli serra nei centri urbani delle città di tutto il mondo, nel tentativo di rendere l’agricoltura più economica, sostenibilee soprattutto per soddisfare la crescente domanda legata all’aumento della popolazione mondiale….


No Picture

Ecco quali sono le 10 Multinazionali più pericolose del Mondo!

Non importa dove tu viva, è impossibile scappare alla globalizzazione. L’unica via d’uscita è informarsi per scegliere con coscienza prima di comprare. Iniziare a coltivare e a produrre i propri alimenti, ridurre il consumo di petrolio e dei suoi derivati, riforestare, comprare solo il necessario, ascoltare la propria voce interiore invece di quella della pubblicità … sono piccoli passi per sfuggire ai grandi mostri. E ricordarsi sempre che il potere…


No Picture

Nucleare: Tokio “irradiata” quasi quanto Fukushima?

Il Washington Blog è stato una delle fonti americane più informate sui fatti di Fukushima, riportando in tempo reale (fin di tempi del disastro) le notizie del giapponese EneNews. Alla fine di questo 2012, il blog fa il punto sulla situazione a Tokio proprio in base ai moltissimi dati di EneNews, giungendo ad una serie di inquietanti conclusioni: Il Cesio nella baia di Tokio è persino più alto di quello…


No Picture

Bisogna bonificare Taranto, come hanno fatto in Germania

 Ho intervistato Samanta Di Persio, scrittrice che si occupa di temi delicati: morti sul lavoro, condizioni delle carceri, scandali del terremoto a L’Aquila. Sull’Ilva di Taranto, oggi, ci racconta come tutti sapessero tutto, già da anni, perché i dati mortali erano già ampiamente noti. Ma ovviamente nessuno ha fatto niente. E ci racconta anche come lo spread che ci separa dalla Germania non sia soltanto quello sui titoli finanziari. CLICCAE GUARDA IL…


No Picture

Nazionalizzate l’Ilva

di Paolo De Gregorio Suona stonata e fuori contesto la presa di posizione che vuole conciliare produzione industriale, salute dell’ambiente e dei cittadini di Taranto, come se ciò fosse realmente possibile e praticabile. Questa è una posizione demagogica, pretesca, che non vuole tenere conto di fattori essenziali, di cui il più importante è quello della globalizzazione, che vedrà entrare presto nel settore siderurgico paesi come Vietnam, Argentina, India, mettendo fuori mercato…


No Picture

Quorum raggiunto in Valle d’Aosta!

“Il referendum contro la costruzione del pirogassificatore è andato bene. Dobbiamo un grande grazie a Beppe per essere venuto su a darci sostegno. La sua presenza nella piazza principale di Aosta ha segnato un momento di grande partecipazione. Circa il 50% degli elettori hanno votato, quindi il quorum è stato superato perchè era del 45% e soprattutto c’è stata una percentuale incredibile di SI’ che ha raggiunto il 94%! Siamo…



No Picture

Affamare il mostro!

L’inutile,dannoso ed antieconomico inceneritore di Parma che Iren Spa continua a costruire senza gare d’appalto e con gravi accuse di abuso d’ufficio ed indagati per peculato può esser messo “a dieta”. Il 3 ottobre 2012 scadrà il contratto di gestione dei rifiuti tra Iren Spa (Amps all’atto della sottoscrizione) e l’ATO2 (Ambito Territoriale Ottimale) di Parma, che serve la maggior parte del territorio parmense. L’analisi delle carte curato per il…


No Picture

Miliardi di aiuti e operai a casa. Il mercato drogato delle rinnovabili

Incentivi pubblici, profitti privati, futuro dell’occupazione. La crisi che attanaglia il settore del fotovoltaico, l’energia pulita prodotta dai pannelli solari, mette in gioco tutto questo e mette in risalto l’assenza cronica di politica industriale che non sia a breve gittata e per interessi mirati. LA SOCIETÀ leader del settore, la Solsonica di Rieti, ha attivato la cassa integrazione per i suoi 222 dipendenti. Una cassa integrazione a rotazione che per…


No Picture

L’inceneritore di Parma

“Per anni Iren Spa, con l’avallo del presidente della Provincia Bernazzoli (Pd) e dei sindaci del Comune di Parma Ubaldi e Vignali (Udc – Forza Italia – Pdl) ha negato la divulgazione del Piano Economico e Finanziario dell’inceneritoredi Parma. Eppure una delibera del Consiglio Comunale di Parma del 31/03/2006 parlava di “riconoscere ai cittadini il diritto di accesso a tutti gli atti riguardanti il termovalorizzatore”. Anni di silenzio, casualmente, sono…


No Picture

Ilva l’Affare s’ingrossa

La seconda fase dell’inchiesta delle Fiamme Gialle sui permessi dati all’Ilva di Taranto punta sui controlli mancati. E gli indagati sono 13, per corruzione e concussione. Tra le carte, anche le foto che documentano il passaggio di denaro tra Girolamo Archinà, dell’Ilva, e Lorenzo Liberti, il perito nominato dalla Procura. Hanno svenduto l’ambiente. La fase 2 dell’inchiesta della Guardia di Finanza sull’Ilva di Taranto punta su chi doveva controllare e…


No Picture

Morire a Taranto, ora è una conferma!

Non è una scoperta dell’ultima ora. Da anni il ministero della Salute segue l’andamento della mortalità per malattia nelle zone dove sono presenti i cosiddetti SIN, i siti di interesse nazionale per la bonifica. Quarantaquattro aree con grandi agglomerati industriali. C’è anche l’Ilva di Taranto, naturalmente. E i dati, aggiornati in un secondo tempo e che abbracciano il periodo 1995-2008, sono pesanti. Confermano il rischio di gravi danni alla salute…


No Picture

“La riserva dello zingaro non esiste più”

In Sicilia, che sarebbe quel posto in Italia dove il Pd sta in una maggioranza di destra, dove succedono cose incredibili e il presidente del consiglio caccia un presidente di regione indebitato con un’inaudita ingerenza perpetrata per continuare a fare finta di niente. Cose che a raccontarle, dopo o durante, sembra sempre di parlare di Marte e marziani per come ti guardano. O di cose anche meno conosciute di Marte,…


No Picture

Quella Kabul nascosta fra le Alpi

Ancora una volta, come tante in precedenza, i lettori dei quotidiani politicamente corretti, assisteranno domattina sulle prime pagine alla cronaca di una notte di scontri in Val di Susa, fra fantomatici “antagonisti” con il volto coperto ed eroici tutori dell’ordine costituito, anch’essi con il volto coperto e nessun numero identificativo sul casco, ma questi ultimi due particolari sui giornali non albergheranno. In compenso il giornalista di turno descriverà in maniera…


No Picture

La TAV costa troppo! Per Hollande si potrebbe anche non farla

1 – TAV: LE FIGARO, FRANCIA PENSA A POSSIBILE STOP TORINO-LIONE (ANSA) – La Francia intende riesaminare ed eventualmente rinunciare a dieci progetti di linee ferroviarie ad alta velocità, tra cui la Torino-Lione: è quanto riporta il Le Figaro. “Lo Stato ha previsto una serie di progetti senza averne fissato i finanziamenti. Il governo non avrà altra scelta che rinunciare ad alcune opzioni”, ha dichiarato il ministro del bilancio, Jerome…