Sarà venuto il momento di esigere agli USA di ritirarsi dalla Siria?

Joseph Thomas, esperto analista del Sud Est Asiatico e del Medio Oriente, in un suo articolo per il giornale Neo (New Eastern Outlook), richiama l’attenzione dell’opinione pubblica mondiale sulla necessità di rivelare apertamente le responsabilità di Washington nel conflitto siriano, per fare in modo che gli USA riconoscano il loro scoperto appoggio fornito alle organizzazioni terroristiche e per porre fine alla guerra in Siria.
I media occidentali ammettono a mezza bocca il fatto che gli accordi occidentali ottenuti tra Mosca e Washington sulla regolazione del conflitto siriano sono falliti per causa della rinuncia degli USA a dividere gli islamisti radicali dai rappresentanti della “opposizione moderata”, segnala l’autore .

Il termine adeguato sarebbe non la “rinuncia” ma piuttosto la incapacità. La realtà è che di fatto non esiste alcuna “opposizione moderata” in Siria, la cui esistenza fu inventata dall’Occidente con il fine di giustificare la spesa di milioni di dollari per reclutare ,addestrare ed armare i terroristi radicali , precisa il giornale. “Di fatto riconosce che i gruppi di miliziani sostenuti dall’Occidente son indistinguibili e inseparabili dalle organizzazioni terroriste, includendo Al Qaeda e Fronte al Nusra, gli USA ammettono che stanno armando ed equipaggiando i loro terroristi intenzionalmente”, spiega l’autore.

Nel corso degli ultimi 20 anni Washington ha invaso vari stati del mondo sotto vari pretesti, quando perseguiva il suo unico obiettivo: distruggere le autorità degli stati sovrani per stabilire la supremazia nord americana.

A partire dal 1991, l’obiettivo degli interventi americani in tutto il pianeta è stato quello di stabilire una profonda egemonia globale davanti a qualsiasi altra potenza mondiale che fosse capace di equilibrare il dominio geopolitico statunitense”, ritiene Joseph Thomas.

Adesso che Washington non è più in grado di negare i suoi evidenti vincoli con i terroristi , sarà arrivato il momento di esigere che gli USA si allontanino dalla Siria?, afferma l’articolo della Neo. “Il mondo deve rifiutare le diverse scuse e pretesti di Washington per intervenire in Siria, i governi mondiali devono esporre la verità circa la loro partecipazione (e la responsabilità) nel conflitto e opporsi agli USA per quello che riguarda il loro patrocinio statale alle organizzazioni terorriste”, assicura Thomas, il quale anche lui considera necessario che la comunità internazionale si coinvolga nell’ottenere quanto prima un esito finale possibile per il conflitto e da risolvere anche per causa del recente spiegamento di truppe speciali USA. “La pace e la stabilità mondiale dipendono dal porre fine a questa presa di potere globale che dura da varie decadi”, conclude l’autore….

Fonte: NewEastern Outlook

Tratto da Sputnik Mundo

Traduzione: Manuel De Silva

Via

Be the first to comment on "Sarà venuto il momento di esigere agli USA di ritirarsi dalla Siria?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam