“Non lasciare mai che una crisi vada sprecata”

Il piano post-Brexit: accelerare per un Superstato europeo

Sembra che gli inglesi abbiano schivato più di una pallottola con la loro decisione di lasciare l’UE.

Nei prossimi giorni, i ministri degli Esteri di Francia e Germania dovrebbero rivelare il loro piano post-Brexit:  un piano per  trasformare i paesi del continente in un superstato gigante. La proposta implica la perdita, per i singoli Stati nazionali, del diritto di avere un proprio esercito, un codice penale, un sistema di tassazione o una banca centrale, con tutti questi poteri trasferiti a Bruxelles. Secondo il Daily Express, il rapporto di nove pagine ha “indignato” alcuni leader dell’Unione europea.

I piani per ‘una più stretta dell’Unione europea’ sono un tentativo di creare un ‘superstato europeo’, come riporta il Daily Mail,

il ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier, e il suo omologo francese, Jean-Marc Ayrault ,hanno presentato una proposta di una maggiore integrazione europea basata su tre aree principali – sicurezza interna ed esterna, la crisi dei migranti, e la cooperazione economica.
L’Express segnala che il piano ha scatenato la furia e il panico in Polonia, un tradizionale alleato della Gran Bretagna nella lotta contro il federalismo .
L’emittente pubblica polacca riferisce che la proposta è stata presentata ieri a una riunione del gruppo di Visegrad di paesi – composto da Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia – dal ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeierggi.
Estratti del rapporto di nove pagine sono stati pubblicati mentrei leader di Germania, Francia e Italia si sono incontrati a Berlino per colloqui sulla Brexit.

Nel preambolo al testo i due ministri scrivono: .

“I nostri Paesi condividono un destino comune e un insieme comune di valori (??) che danno luogo a un’unione sempre più stretta tra i nostri cittadini. Lotteremo per un’unione politica in Europa e inviteremo i prossimi europei a partecipare a questa impresa. “

Rispondendo alla proposta, il ministro degli Esteri polacco, Witold Waszczykowski, ha dichiarato: “Questa non è una buona soluzione, naturalmente, perché dal momento in cui l’Unione europea è stata inventata molto è cambiato.
“L’umore nelle società europee è diverso. I nostri elettori non vogliono mettere l’Unione nelle mani dei tecnocrati.
“Perciò, io voglio parlare di questo, se questa è davvero la ricetta giusta in questo momento, nel contesto di una Brexit.”
Ci sono profonde divisioni all’interno dell’UE in questo momento su come procedere con il progetto alla luce del voto sulla Brexit.
Alcuni hanno messo in guardia contro il tentativo di imporre una maggiore integrazione politica, avvertendo che farlo contro la volontà dei popoli europei non farà che alimentare ulteriormente il sentimento euroscettico.
Il ministro ceco Lubomír Zaorálek ha aggiunto che i quattro membri orientali hanno espresso riserve circa la politica di sicurezza comune proposta.
Nel frattempo Lorenzo Condign, l’ex direttore generale del Tesoro, ha detto che è quasi impossibile vedere l’Europa optare per una maggiore integrazione in un momento di sconvolgimento. “Sembra difficile immaginare che il resto dell’UE serri i ranghi e si muova nella direzione di una maggiore integrazione in fretta. Semplicemente, non c’è volontà politica.
“In effetti, il rischio è esattamente il contrario – e cioè che le forze centrifughe prevarranno e renderanno l’integrazione ancora più difficile.”

Be the first to comment on "“Non lasciare mai che una crisi vada sprecata”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam