The Intercept pubblica nuove e-mail della Clinton. Il piano per “fare della Polonia un laboratorio dello shale gas Usa”

Lo scorso aprile, appena prima delle primarie a New York, la campagna di Hillary Clinton ha mandato in onda uno spot che lodava il suo lavoro come segretario di stato nell’aver costretto “la Cina, l’India, alcuni dei peggiori inquinatori del mondo” a operare “un vero cambiamento”.
La Clinton ha promesso di “rimanere al finaco dei newyorkesi nell’opporsi al fracking, dando alla comunità il diritto di dire no'”.

Lo spot televisivo, che non è stato annunciato e non appare sul canale ufficiale YouTube della campagna con la maggior parte degli altri annunci della Clinton, implicava una storia di opposizione al fracking, qui e all’estero. Ma messaggi di posta elettronica ottenuti da The Intercept dal Dipartimento di Stato rivelano nuovi dettagli degli sforzi dietro le quinte della Clinton e dei suoi stretti collaboratori per esportare la fratturazione idraulica in stile americano – la tecnica di perforazione orizzontale meglio conosciuta come fracking – a paesi in tutto il mondo.

Lungi dallo sfidare le aziende di combustibili fossili, i messaggi di posta elettronica ottenuti da The Intercept  rivelano che funzionari del Dipartimento di Stato hanno lavorato a stretto contatto con le compagnie petrolifere del settore del gas , fatto pressione su altre agenzie all’interno dell’amministrazione Obama per impegnare le risorse del governo federale per l’individuazione di riserve di scisto, e stretto accordi con nazioni partner impegnandosi a contribuire a garantire gli investimenti per nuovi progetti di fracking.

I documenti rivelano anche il ruolo del Dipartimento nel portare dignitari stranieri a un sito di fracking in Pennsylvania, e i piani per fare della Polonia un “laboratorio per testare se il successo degli Stati Uniti nello sviluppo dello shale gas può essere ripetuto in un paese diverso”, in particolare in Europa, dove i governi locali hanno espresso opposizione e, in alcuni casi, addirittura vietato il fracking .

Le mail rivelano piani per diffondere la tecnica di perforazione in Cina, Sudafrica, Romania, Marocco, Bulgaria, Cile, India, Pakistan, Argentina, Indonesia e Ucraina.

Nel 2014, la giornalista di Mother Jones, Mariah Blake, ha utilizzato dispacci diplomatici rivelati da Wikileaks e altri documenti per rendere noto come la Clinton “avesse venduto il fracking al mondo”. I messaggi di posta elettronica ottenuti da The Intercept attraverso il Freedom Information Act forniscono maggiori dettagli.

The Global Shale Gas Initiative,  il programma della Clinton per la promozione del fracking, è stato annunciato il 7 aprile 2010 da David Goldwyn, inviato speciale del Dipartimento di Stato per gli affari energetici, alla United States Energy Association (USEA), i cui membri includono Chevron, ExxonMobil, ConocoPhillips e Shell.

Le e-mail mostrano uno sforzo aggressivo per coinvolgere aziende energetiche private a utilizzare la Polonia come parte di una più ampia campagna per vendere il fracking in tutta la regione.

Be the first to comment on "The Intercept pubblica nuove e-mail della Clinton. Il piano per “fare della Polonia un laboratorio dello shale gas Usa”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam