Il “piagnisteo” della Mogherini sulla sopravvivenza della UE a rischio

BRUXELLES (Pars Today Italian) – “Per la prima volta nella storia l’Ue deve fronteggiare una minaccia esistenziale” che non viene dall’esterno ma “dall’interno dei suoi confini”.
E’ quanto evidenzia l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini in un messaggio diffuso in occasione della Festa dell’Europa con il quale risponde a quanti oggi si chiedono “se ci siano ancora dei motivi per celebrare” questa ricorrenza. “La nostra Unione – sottolinea Mogherini – ” è a rischio quando si costruiscono muri invece di abbatterli, quando ci si comporta come europeisti part-time – capaci di chiedere aiuto ma non di offrirlo quando necessario” e quando viene messa in discussione “la nostra identità perché basata sulla diversità”.

La Festa dell’Europa, per la vicepresidente della Commissione Ue, serve per non dimenticare i risultati raggiunti, esserne orgogliosi e “ricordarci che non vanno dati per acquisiti”. Quello di cui abbiamo bisogno oggi “per riformare e salvare” l’Unione “è leadership e non populismo”.

Nota:  Nel sentire il piagnisteo della Mogherini, viene spontaneo domandarsi: ma questi tecnoburocrati della Commissione Europea è possibile che non dispongano di quel minimo di capacità di autocritica che consentirebbe loro di comprendere la loro distanza dal mondo reale?

Ma di che parla questa signora? La Mogherini dice: ” …La nostra Unione – è a rischio quando si costruiscono muri invece di abbatterli”. E questa si meraviglia dei muri quando la Merkel e la Commissione Europea dispongono unilateralmente di aprire le frontiere all’invasione da Africa e Medio Oriente e pensa che i cittadini europei debbano accettare tutto questo come una cosa normale? Ma forse hanno chiesto il parere dei cittadini adesso che aprono l’ingresso libero anche per 79 milioni di turchi?
Secondo la Mogherini i cittadini europei dovrebbero essere grati ad una oligarchia europea che predica per l’abolizione delle frontiere per creare un nuovo mondo di sradicati assoldabili a poco prezzo in ogni parte del mondo.

Prosegue la Mogherini: “….viene messa in discussione “la nostra identità perché basata sulla diversità“…
Ci chiediamo: ma questa signora conosce la Storia? Ha mai studiato come si è costruita nei secoli l‘identità europea, quella italiana quella francese, quella austroungarica o tedesca? Si è mai soffermata a riflettere come siano state edificate le chiese gotiche, i capitelli romanici e le piazze delle nostre città medioevali della Toscana dell’Umbria o della Lombardia? Lo sa che gli abitanti dell’Europa hanno dovuto difendersi dalle invasioni e presidiare confini e territorio? Crede lei ingenuamente che l’invasione di popoli di altre culture (più decise ed aggressive di quelle europee) abbiano voglia di integrarsi ed accettare regole che non condividono? Gli esempi di “Londonistan” o di” Belgistan” non le dicono nulla? Quella per lei sarebbe una “difesa dell’identità”, annegandola nel cosmopolitismo?

Sembra chiaro che l’obiettivo perseguito dai mondialisti, con la collaborazione dei burocrati della UE, è quello di ottenere un contesto sociale fatto di omologazione cosmopolitica tendente alla disarticolazione, per via principalmente pubblicitaria, dei legami sociali comunitari dei popoli.

Continua la Mogherini: “….Quello di cui abbiamo bisogno oggi “per riformare e salvare” l’Unione “è leadership e non populismo”.
La signora Mogherini confonde la “leaderschip” con la subordinazione vergognosa dei funzionari della UE, come Lei, agli interessi esterni, quelli di Washington per intenderci, per cui stiamo sanzionando la Russia di Putin (che difende la Cristianità dal terrorismo) ma ci troviamo in stretta alleanza con la Turchia di Erdogan(quello che massacra i curdi) e con la monarchia dell’Arabia Saudita che alimenta e sostiene il terrorismo islamista. Quella a cui accenna la Mogherini è la leaderschip dei fantocci, cosa ben diversa dalla vera leaderschip.

La signora Mogherini che è abituata a leggere i dispacci che arrivano dal Dipartimento di Stato USA, dovrebbe ricordarsi che stiamo ponendo sotto sanzioni la popolazione siriana e stiamo aiutando i gruppi terroristi che stanno martirizzando quel paese arabo.
Dopo aver anche martirizzato la popolazioni di paesi come la Grecia, con le politiche di austerità , dovremmo essere anche orgogliosi di tutto questo, signora Mogherini?
Come diceva Totò: “Ma ci faccia il piacere”  signora Mogherini.

L. Lago

Via

Be the first to comment on "Il “piagnisteo” della Mogherini sulla sopravvivenza della UE a rischio"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam