Il referendum è perso, ma il risultato fornisce diverse sorprese

Il Referendum è stato perso e Renzi incassa un successo. Inutile negarlo, ma il giovanotto fiorentino farebbe bene a non essere troppo trionfalista. L’uomo ha un comportamento curioso: prima di una consultazione amministrativa o referendaria si affanna a spiegare che si tratta di un quesito settoriale, limitato, locale, senza portata politica generale, comunque vada. Dopo, quando arrivano i risultati, se gli sono sfavorevoli, conferma che si è trattato di una consultazione senza importanza, se, invece, gli è andata bene, si tratta di un segnale di grande importanza che premia la sua azione di governo e la sua segreteria del partito, premessa di nuovi immancabili trionfi. Ma, in un caso come questo, conviene un’ analisi più attenta. In primo luogo vanno considerati una serie di fattori che dicono quanto il referendum fosse una scommessa azzardata:

Be the first to comment on "Il referendum è perso, ma il risultato fornisce diverse sorprese"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam