Gli Usa ammettono di aver finanziato i giornalisti che hanno diffuso i Panama Papers

“I giornalisti hanno ricevuto finanziamenti da varie fonti, tra cui il governo degli Stati Uniti”, ha dichiarato il vice portavoce del Dipartimento di Stato, Mark Toner, che ha detto ha detto in una conferenza stampa che le risorse vengono consegnate attraverso l’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo Internazionale (USAID).
Tuttavia, secondo Toner, i giornalisti sono stati finanziati “non per perseguire determinati obiettivi o persone, ma per condurre inchieste giornalistiche indipendenti”.
Il portavoce ha aggiunto che l’indagine è stata condotta dai giornalisti dell’Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP), finanziato da USAID, ma che gli Stati Uniti non erano a conoscenza in anticipo dei contenuti dei “Panama Papers”.

WikiLeaks ha denunciato mercoledì che lo scandalo suscitato dalla rivelazione dei cosiddetti “Panama Papers’, milioni di documenti che hanno rivelato le attività di migliaia di società off shore alcune controllate da politici, capi di stato e banche di tutto il mondo, è stato organizzato dall’organizzazione Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) e finanziato dall’Agenzia degli Stati Uniti lo sviluppo internazionale (USAID) e il fondo di Soros.

Be the first to comment on "Gli Usa ammettono di aver finanziato i giornalisti che hanno diffuso i Panama Papers"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam