La Francia vira verso il fascismo dopo gli attentati terroristici di novembre

Perquisizioni, arresti e domiciliari per gli ambientalisti in occasione della COP21

In occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici di Parigi, il governo francese sta utilizzando leggi di emergenza messe in atto dopo gli attacchi terroristici di novembre per tenere alcuni attivisti ambientali agli arresti domiciliari.
Subito dopo gli attacchi terroristici di novembre, il governo francese ha dichiarato lo stato di emergenza sulla base di una legge del 1955. La legge permette allo stato di condurre perquisizioni di proprietà private senza mandato, imporre il coprifuoco, limitare gli incontri pubblici e i movimenti delle persone, confiscare armi si e prendere in consegna la stampa.
L’attivista Joel Domenjoud ha detto ad AntiMedia che era stato raggiunto da un ordine restrittivo che lo descrive come il “principale leader del movimento di estrema sinistra”, un titolo che contesta, e un giudice ha rifiutato di esaminare il suo ricorso contro il divieto di partecipare alla manifestazioni.
“Sono arrabbiato perché Penso che abbiano fatto un grosso errore”, ha detto Domenjoud. “Non erano alla ricerca di persone come noi attivisti. Questo dimostra che possono prendere di mira le persone per nessuna ragione e che le nostre libertà civili sono in pericolo. “
Sabato scorso, il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve ha confermato che il governo francese aveva usato le leggi d’emergenza recentemente emanate a posto almeno 24 attivisti di Greenpeace agli arresti domiciliari.
Cazeneuve ha sostenuto che gli attivisti sono sospettati di pianificare proteste violente durante i negoziati sul clima che hanno preso il via domenica – un giorno prima della cerimonia di apertura – e dovrebbero concludersi l’11 dicembre.
“Queste 24 persone sono state poste agli arresti domiciliari perché sono stati violenti durante le manifestazioni in passato e perché hanno detto che non avrebbero rispettato lo stato di emergenza”, ha detto Cazeneuve.
Nel frattempo, il direttore di Greenpeace Francia, Jean-François Julliard, ha dicharato che gli attivisti agli arresti domiciliari non avevano mai commesso atti di violenza, non erano mai stati accusati di nulla.
“Abbiamo la sensazione che [il governo] voglia soffocare le critiche dei militanti, ma lo stanno facendo nel peggior modo possibile, questo è repressione”, ha commentato Julliar dalla televisione BFM.
Diverse fonti affermano che gli agenti hanno fatto irruzione anche in tre case occupate di Parigi- e in molte altre in tutto il paese- sequestrando computer, documenti e oggetti personali.
Indipendentemente dalla minaccia degli arresti domiciliari, alcuni manifestanti sono scesi in strada.
Secondo il Ministero degli Interni, più di 300 persone sono state poste agli arresti domiciliari in seguito alla proclamazione dello stato di emergenza, poco più di due settimane fa.

Be the first to comment on "La Francia vira verso il fascismo dopo gli attentati terroristici di novembre"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam