Congo, i ribelli conquistano Goma. Si teme l’escalation

Centinaia di soldati e di agenti di polizia della Repubblica democratica del Congo si sono arresti ai ribelli del Movimento del 23 marzo (M23) nello stadio di Goma. È quanto ha riferito il corrispondente di al Jazeera, presente sul posto.

I ribelli hanno preso ieri il controllo di Goma, la principale città della regione orientale Kivu, al confine con il Ruanda, che conta oltre un milione di persone. Oggi, i ribelli hanno dichiarato di voler “liberare” tutto il Paese, marciando da Goma verso Bukavu, quindi sulla capitale Kinshasa, a circa 1.600 chilometri di distanza.

«Il viaggio per liberare il Congo è appena iniziato – ha detto il portavoce dei ribelli, Vianney Kazarama, alle circa 1.000 persone presenti nello stadio di Goma – avanzeremo su Bukavu e poi su Kinshasa. Siete pronti a unirvi a noi?».

M23 conterebbe su circa 2000 ribelli. Un numero non elevatissimo, ma fortemente organizzato che può comunque contare sull’appoggio del Ruanda che darebbe appoggio logistico e in armi ai ribelli. Diversi osservatori accusano proprio il Ruanda di sostenere questa nuova offensiva, formalmente scoppiata per i contrasti tra M23 e governo congolese. Ma gli accordi tra Congo e Pechino per lo sfruttamento dei ricchi giacimenti di materie prime hanno innervosito le diplomazie occidentali, in particolare quella statunitense e quella britannica, che sorreggono il Ruanda.

 

Fonte

Be the first to comment on "Congo, i ribelli conquistano Goma. Si teme l’escalation"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam