I tagli alla sanità sono molto più consistenti di quanto dicono!

I tagli alla sanità sono MOLTO SUPERIORI a quelli di cui parlano governo e mass media: quelli di cui sentiamo parlare sono infatti i tagli decisi a livello centrale dal governo, ai quali dobbiamo sommare i tagli stabiliti nei vari CONSIGLI REGIONALI, che sono l’organo deputato alla gestione della sanità, regione per regione. Di questi tagli se ne parla solo nelle zone interessate, e non vengono conteggiati nel conto dei tagli alla sanità.

Sono frutto del cosiddetto “taglio dei trasferimenti alle regioni” di Tremonti: se consideriamo che la Sanità assorbe generalmente più del 50% del bilancio di una Regione, sono veri e propri TAGLI ALLA SANITA’ mascherati…

Riceviamo quasi quotidianamente email da Comitati e cittadini che parlano di tagli ai vari ospedali: non c’è una singola regione che non sia interessata! Le chiamano “razionalizzazioni”, piccoli ospedali che chiudono, reparti e servizi che vengono soppressi o accorpati, privilegiando i grandi ospedali.

Le zone periferiche non densamente popolate sono le più penalizzate: cittadini di serie B che in caso di urgenza devono raggiungere ospedali che distano fino a svariate decine di km. In molti casi c’è l’elisoccorso, in altri nemmeno quello.

IL CASO DELLA VAL DI CECINA (PI) CITTADINI DI SERIE B
In provincia di Pisa il Presidio ospedaliero di Volterra ha subito negli anni pesanti tagli, e per numerose emergenze i cittadini della “Val di Cecina” vengono indirizzati all’ospedale di Pontedera (PI) che dista 50-75 km dalle varie località della zona. Tre anni fa è stato stabilito di realizzare tempestivamente due piazzole dell’elisoccorso: una a Castelnuovo Val di Cecina e una a Volterra; la prima è stata fatta in tempi rapidi, la seconda invece da oltre 1.000 giorni attende di essere realizzata, a causa di non meglio precisati “problemi burocratici” del Comune. In caso di emergenza l’elicottero salvavita atterra allo stadio, ma in caso di condizioni meteo avverse è impossibilitato a farlo, e in quel caso l’ambulanza deve fare 50 km di tortuosa strada extraurbana, impiegando almeno un’ora. In caso di infarti, ictus o gravi incidenti stradali, non sempre tutto quel tempo è disponibile. Sicuramente questa situazione non è un caso isolato in Italia…

QUESTO NON SIGNIFICA ESSERE CITTADINI DI SERIE B?

Staff Nocensura.com

Be the first to comment on "I tagli alla sanità sono molto più consistenti di quanto dicono!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam