Sfide da Premier, anche in Francia è Gnocca contro Gnocca!

Pochi minuti dopo la vittoria del compagno alle primarie socialiste, Valérie Trierweiler chiede pazienza: «Amici giornalisti e fotografi, lasciatemi tempo. Il tempo di capire e imparare. Ma imparerei in fretta!». A fare la première dame, si intende. Se prima del Sofitel i francesi erano certi di uno scontro tra le primedonne Carla Bruni-Sarkozy e Anne Sinclair (moglie di Dominique Strauss-Kahn), il trionfo di François Hollande porta in primo piano la giornalista «ValTrier», come si chiama su Twitter.

Curioso destino, quello di Hollande. Ama donne che sono a un passo dall’entrare all’Eliseo: o da presidenti della Repubblica (Ségolène Royal nella precedente elezione) o da fidanzate del candidato (Valérie Trierweiler adesso). Nata a Angers il 16 febbraio 1965, 12 anni più giovane di Ségolène, Valérie arrivò a Parigi per studiare scienze politiche alla Sorbona, e una volta laureata entrò nella redazione di Profession politique. «Veniva dalla provincia con la volontà di ferro di diventare giornalista, rimasi impressionato dalla sua forza di carattere – dice il suo capo di allora Gérard Carreyrou -. Non era raccomandata, la sua famiglia era modesta. Ma aveva la rabbia di riuscire e si è imposta in fretta come una delle migliori».

La giovane appassionata di politica venne poi assunta a Paris Match, dove conobbe il segretario di redazione Denis Trierweiler. Valérie divorziò dal marito per sposare Denis, da cui ebbe il cognome e tre figli. La direzione le chiese di seguire il Partito socialista, e fu così che Valérie Trierweiler conobbe la coppia Hollande-Royal, diventando amica di entrambi.

La relazione con Hollande cominciò nel 2006, ed è stata ufficializzata nell’autunno dello scorso anno con le convinte parole di François alla stampa: «Valérie è la donna della mia vita». La Trieweiler, come lo era Anne Sinclair, è anche una apprezzata anchor woman: oggi ha però opportunamente lasciato la sua trasmissione tv sulle presidenziali, in onda su Direct 8.

Il non lunghissimo elenco delle première dame della V Repubblica prevede la schiva Yvonne de Gaulle, Claude Pompidou, grande appassionata di arte contemporanea, Anne-Aymone Giscard d’Estaing (prima e unica ad avere partecipato agli auguri presidenziali di fine anno), l’impegnata Danielle Mitterrand, la popolare Bernadette Chirac, l’indomita Cécilia Attias (l’unica ad avere lasciato l’Eliseo per divorzio) e la modella cantante Carla Bruni.

Tra qualche mese, se Hollande riuscirà a battere Sarkozy, potrebbe toccare alla donna della generazione Twitter: finora nell’ombra, Valérie Trierweiler ha seguito il percorso del compagno con mai casuali messaggi da 140 caratteri. Dalla citazione del presidente Georges Pompidou – «Non avrei mai potuto sostenere le responsabilità della mia funzione se non fossi stato felice in coppia» – al vezzoso endorsement il giorno del primo turno delle primarie: «Visto che in molti me lo domandano, sì, ho votato. Oui, pour moi, c’est lui».

 

Stefano Montefiori per il “Corriere della Sera

Be the first to comment on "Sfide da Premier, anche in Francia è Gnocca contro Gnocca!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam