Gli inceneritori moderni non inquinano. Assolutamente Falso!

E’ falso, perchè:

I limiti di legge sono obsoleti

L’inceneritore di Amburgo emette 0,001 nanogrammi di diossina per metro cubo di fumi. Si tratta di un quantitativo inferiore di ben due ordini di grandezza rispetto alle emissioni degli inceneritori italiani, allineate al limite di legge di 0,1 nanogrammi per ogni Normal Metro Cubo di fumi.

Ma anche l’inceneritore di Amburgo non si può dire che “non inquini”. La sostanza più tossica del mondo fa parte del gruppo delle diossine e per questo si applicano limiti di legge su quantità inverosimilmente basse. Basta veramente poca diossina, infatti, per provocare danni irreparabili.

La tendenza dovrebbe essere quindi di uno stato dell’arte impiantistico che consenta di raggiungere valori di 0,001 nanogrammi, ma al momento non c’è alcun segnale di una revisione della normativa in questo senso. Quindi bruciare rifiuti a norma di legge in Italia significa emettere cento volte più diossina che ad Amburgo, a parità di quantitativi trattati.

Più si diminuisce la diossina, più aumentano le polveri sottili

Si deve sapere che non esistono veri sistemi per abbattere le diossine emesse da un impianto di combustione. La riduzione dei quantitativi specifici di diossine viene ottenuta solo operando sulla temperatura di combustione e sulla geometria della camera di combustione ed eventuale camera di post-combustione. Ad esempio, gli inceneritori moderni superano sempre i 1050°C di temperatura nella camera di combustione; l’impianto di Amburgo arriva addirittura a 1380°C!

Ma bruciare a temperatura più alta, se da un lato significa ridurre la formazione di diossine, dall’altro significa anche ridurre la dimensione delle particelle presenti nei fumi. All’aumentare della temperatura, particelle incombuste, metalli pesanti e altre sostanze inquinanti hanno quindi una dimensione di pochi micron che rende più difficile intercettarle con i vari sistemi di filtraggio (a umido, elettrostatici, ecc.).

Quanto più è ridotta la dimensione del particolato, quanto più sono dannosi i suoi effetti. Tant’è che dopo il PM10 si è passati a rilevare il PM2,5 e adesso si comincia addirittura a parlare di PM1. Il problema è però che la diminuzione delle dimensioni delle particelle sottili le rende più pericolose, oltre che più difficili da misurare.

In sostanza, questo significa che un impianto come quello di Amburgo può fornire maggiori garanzie per quanto riguarda diossine e furani, ma presenta un pericolo ancora più insidioso sul fronte delle polveri sottili, pericolosissime e responsabili di migliaia di morti nella città italiane ogni anno.

A partire dal 2010, per la concentrazione media del PM10 in atmosfera dovrebbe entrare in vigore un nuovo limite di legge, che è stato fissato a 20 microgrammi, perchè questa è la soglia al di sopra della quale si comincia a registrare statisticamente l’insorgenza dei tumori.

E’ ad esempio stato sulla base di questa soglia di 20 μg che l’anno scorso l’OMS ha stimato che in Cina ci sono ogni anno mezzo milione di morti direttamente provocate dall’inquinamento da polveri sottili. In una città come Firenze, invece, si calcola che ogni incremento di 1 microgrammo del valore medio annuale di PM10 al disopra della soglia di 20 μg/mc determini 100 morti in più.

I limiti di legge sono non cautelativi della salute umana

Vi invito a notare la differenza di significato tra i limiti di legge per diossine e polveri sottili.

Come esposto nel paragrafo precedente, si può tranquillamente ritenere la soglia di 20 μg/mc di presenza del PM10 nell’aria come un limite cautelativo per la salute, in quanto il dato di 20 μg/mc consegue direttamente dagli studi epidemiologici: è un valore di soglia ricavato dall’analisi dei dati di mortalità.

In questo senso, il limite di legge italiano per le diossine non è per niente cautelativo. Non è una soglia che, come il limite per il PM10, faccia la differenza tra “la vita o la morte”. E non solo perchè è un limite riferito alla concentrazione di diossine in un metro cubo di fumi e non alle quantità complessivamente emesse su base annua.

Come sua origine, il valore limite di 0,1 nanogrammi corrisponde semplicemente a quello che qualche decennio fa era il limite inferiore di sensibilità degli strumenti di misurazione della diossina nelle emissioni gassose. E il limite di legge è sempre rimasto uguale, anche dopo che diversi inceneritori hanno dimostrato che era possibile ridurre le emissioni di diossina di quasi 100 volte rispetto a tale valore.

Non bisogna considerare solo la diossina

Oltre alle diossine, gli inceneritori producono molti altri tipi di sostanze inquinanti. Dato che i limiti di legge per le emissioni pericolose sono riferiti a valori di concentrazione nei fumi in uscita dalla sezione di abbattimento degli inquinanti, ne consegue che più rifiuti vengono trattati, più aumentano le emissioni.

Il principale problema dopo le diossine sono le emissioni acide, per le quali i limiti di legge italiani per gli inceneritori variano dai 10 mg/Nmc (per l’acido cloridrico), a 50 mg/Nmc (per gli SOx) a 80 mg/Nmc (per gli NOx). Le emissioni acide di un grande impianto (i cui fumi in uscita sono dell’ordine di milioni di metri cubi ogni anno) ammontano quindi a centinaia di tonnellate ogni anno.

Un inceneritore inoltre emette tipicamente altri tipi di sostanze pericolose, come ammoniaca e metalli pesanti (principalmente mercurio, cadmio e piombo) nell’ordine di parecchie tonnellate ogni anno.

Gli ossidi di combustione vengono abbattuti dalla sezione di depurazione fumi, ma l’abbattimento non è mai completo, così come quello delle sostanze incombuste o del particolato sottile in genere. Dato che come si è detto un grande impianto emette milioni di metri cubi di fumi ogni anno, ciò significa che anche un inceneritore che rispetti largamente i limiti di legge emetterà questi tipi di sostanze nella misura di decine o anche centinaia di tonnellate l’anno.

Ne consegue che anche un “inceneritorista” come il sottoscritto, che con i suoi piani ha localizzato numerosi impianti di incenerimento in Italia, non può che considerare un inceneritore come un impianto industriale, che deve quindi essere obbligatoriamente essere localizzato in una zona industriale.

Anche quando, in altre “epoche”, ho sostenuto la necessità di costruire un inceneritore, la cui costruzione era prevista da uno dei miei piani, mi sono sempre attenuto rigorosamente a questa impostazione e non mi sono mai permesso di sostenere che era un impianto che “non inquina” o addirittura “innocuo”. Esattamente come chi volesse sostenere la costruzione di un’autostrada a 6 corsie: potrà dire che è “ “necessaria”, “strategica”, “vantaggiosa”, ma mai potrà affermare che è “innocua”.

Tratto da InfoRifiuti

Be the first to comment on "Gli inceneritori moderni non inquinano. Assolutamente Falso!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam