Riforma Gelmini – Capire come cambieranno gli orizzonti scolastici

Si è tenuta ieri sera presso la sede dell’Associazione Amici di Beppe Grillo in Via Ganaceto 45 a Modena, la seconda Lezione/Incontro a cura della Prof. Silvia Nerini.

Durante l’incontro si è analizzata la nuova riforma Gelmini e nel dettaglio come verrà modificata l’organizzazione della scuola in Italia.

Anche ieri la risposta della cittadinanza è stata buona.

Ecco un brevissimo sunto delle tappe più significative degli ultimi anni e le novità contenute nella riforma.

Docenti in pensione a 70 anni
Con la riforma viene abolita la possibilità che il docente universitario si avvalga dei due anni di trattenimento in servizio. Il docente ordinario dovrà andare tassativamente in pensione a 70 anni, mentre il professore associato dovrà andare tassativamente in pensione a 68. Più spazio dunque ai giovani, e viene favorito il turn over.

Lotta contro gli sprechi
L’obiettivo sin dal principio più “nobile” di questa riforma è la necessaria lotta contro gli sprechi di soldi e risorse. Atenei piccoli si preparano a fusioni con altri atenei e non ci potranno essere più di 12 facoltà per ateneo. Università, facoltà e dipartimenti accademici poco efficienti e con problemi di bilancio vanno incontro al commissariamento.

Le università che continueranno a utilizzare più del 90% dei finanziamenti statali per le spese fisse (personale e ammortamenti) non potranno bandire concorsi per nuove assunzioni. I rettori potranno restare in carica per un massimo di 8 anni: si vuole impedire che ci siano rettori a capo di università per più di 20 anni, come accade ancora oggi in alcune realtà.

Ricercatori addio?
Cambia, e di tanto, anche la figura dei ricercatori: è prevista la fine delle collocazioni lavorative a tempo determinato: la nuova figura prevede la possibilità di accedere all’insegnamento attraverso due contratti triennali: se nel corso del secondo triennio il ricercatore vince il concorso da docente associato rimarrà in seno all’università; in caso contrario non potrà più continuare l’attività accademica.

L’accesso alla docenza non prevede però deroghe o sanatorie per i circa 20mila attuali ricercatori a tempo determinato. L’iter che saranno chiamati a seguire è lo stesso di quelli che approdano oggi negli atenei. I ricercatori protestano da mesi sostenendo che l’unico risultato sarà l’aumento del precariato.

Più difficile diventare professore
Chiunque voglia diventare docente ordinario o associato dovrà conseguire l’abilitazione scientifica nazionale, una sorta di concorso unico a cadenza annuale. L’agenzia statale per la valutazione dell’attività di ricerca terrà sotto stretto controllo la produzione scientifica dei docenti, che dovranno presentare relaizoni sul loro operato. Per i “fannulloni” niente scatto di stipendio.

I concorsi dovrebbero essere meno pilotati dai cosiddetti “baroni”. Le selezioni saranno fatte da una commissione formata da quattro professori ordinari estratti a sorte e, rispetto a oggi, saranno valutate maggiormente la produzione da parte dei candidati di pubblicazioni, le esperienze internazionali, e la didattica svolta.

Il ministro sostiene che approvare la riforma manterrebbe il nostro paese al passo con l’Europa: non farlo significherebbe “la continuazione di un intollerabile vuoto normativo in materia di reclutamento che fa dell’Italia oggi l’unico paese al mondo in cui non esiste un modo di diventare professori di università, significherebbe tenerci le mille forme di precariato non regolato, rinunciare a nuove regole chiare e trasparenti sulla valutazione”.

Rocco Cipriano

Be the first to comment on "Riforma Gelmini – Capire come cambieranno gli orizzonti scolastici"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam