E la prof di casa Berlusconi si candida a sindaco di Arcore!

Elena Centemero, deputata brianzola e coordinatrice del partito, in corsa per il comune di villa San Martino. Così Silvio metterà le mani sulla città.

Al Comune più importante d’Italia, una persona fidata. Si tratta ovviamente della piazza di Arcore, residenza d’elezione del premier Silvio Berlusconi, dove correrà per la poltrona di sindaco Elena Centemero, deputata del PdL e coordinatrice del partito provinciale, prediletta del Cavaliere e da lui strenuamente sostenuta.

DA VILLA SAN MARTINO AL COMUNE – La notizia è in un trafiletto del Giorno.

Il PdL punta sui big per vincere la sfida per il municipio di Arcore. Il vicecoordinatore vicario Roberto Alboni lancia la candidatura a sindaco di Elena Centemero, 42 anni, deputata vicina a villa San Martino – dove è stata anche l’insegnante dei figli di Silvio Berlusconi e Veronica Lario – nonchè numero uno del partito in Brianza. “Di nomi se ne sono fatti tanti, ma ciascuno sarebbe espressione di una diversa corrente del partito. Quella di Elena Centemero è invece una candidatura di garanzia in grado di mettere insieme tutti. Insomma, il nome giusto.

Elena Centemero, dunque, in pole position per la poltrona comunale di uno dei centri nevralgici della Brianza, nella quale in ogni caso guida anche il partitone del centrodestra.

UNA PARTITA CHIAVE – L’interessata nicchia, ma il suo nome sarà annunciato in un incontro pubblico con la Lega Nord nel quale si lanceranno le candidature per le elezioni amministrative.

La proposta sarà lanciata ufficialmente oggi da Alboni durante il primo incontro con la Lega in vista dell’imminente voto di maggio. La diretta interessata, che conferma come il suo nome stia circolando ormai da un mesetto all’interno del partito, prende tempo: “Alboni l’ha proposto nei giorni scorsi, ma dev’essere valutato dal partito. In questo momento come coordinatrice provinciale sto pensando alle candidature degli altri aspiranti sindaci nei Comuni del territorio”.

Sembra inoltre che Silvio Berlusconi sia pronto a scendere in campo in prima persona per tirare la volata e sconfiggere l’amministrazione di centrosinistra che occupa come un fortino il comune della sua villa.

Intanto si ipotizza anche una discesa in campo del più noto cittadino di Arcore: Silvio Berlusconi potrebbe candidarsi come capolista per il Consiglio comunale.

Non è la prima volta, comunque, che il premier ricorre al nome della Centemero per affrontare temi caldi nella sua Brianza.

LA STORIA – La deputata del PdL, persona di fiducia tanto da essere stata istitutrice dei suoi figli, è già stata impiegata nel ruolo – appunto – di coordinatrice del PdL in Brianza in sostituzione di qualcuno che si era esposto un po’ troppo e andava accantonato: il precedente coordinatore, Massimo Ponzoni.

Massimo Ponzoni fa un passo indietro e consegna il partito nelle mani di Elena Centemero. Sarà la deputata di Arcore a reggere come commissario unico le sorti del Pdl nella provincia dove il partito di Berlusconi ha avuto il miglior risultato dell’intera Lombardia e a guidarlo fino alla stagione dei congressi, cittadino e provinciale, che partirà a ottobre. A dare l’annuncio sono stati ieri gli stessi Ponzoni e Centemero, oltre al coordinatore regionale Guido Podestà, intervenuto con una telefonata nella sede azzurra di piazza Citterio per sottolineare come questa scelta sia condivisa da Silvio Berlusconi in persona e dallo stesso coordinatore vicario Massimo Corsaro, rappresentativo dell’altra «anima» del Pdl, quella di chi arriva da An. Una decisione clamorosa, che fa piazza pulita del comitato politico dei dodici inventato per cercare di superare l’impasse provocata dall’avviso di garanzia al coordinatore provinciale Massimo Ponzoni, indagato per corruzione dalla Procura di Monza, e nel frattempo trovare una quadra alle diverse «sensibilità» interne, mettendo in campo big come il viceministro Paolo Romani e il sottosegretario Alfredo Mantica.

Un SILVIO DIETRO LE QUINTE – E qualcosa deve essere cambiato nel cuore blu della Brianza berlusconiana, se è vero che all’indomani della sua nomina, all’interno del PdL non tutti erano entusiasti dell’arrivo della Centemero.

Non è indolore il cambio della guardia al vertice del Pdl di Monza e Brianza. Elena Centemero è la deputata di Arcore scelta per il delicato incarico di sostituire Massimo Ponzoni, che ha fatto un passo indietro dal ruolo di coordinatore a causa dell’inchiesta che lo vede indagato. Ma l’insediamento della parlamentare, che in passato ha già ricoperto il medesimo ruolo, è partito in modo per così dire poco morbido e cioè con un’auto-proclamazione che ha irritato l’anima di An. «È partita con il piede sbagliato, come se fosse già stata nominata e invece è solo una proposta che il partito in Lombardia sottopone ai tre coordinatori nazionali» attacca Massimo Corsaro, numero due del Pdl regionale. «La nomina di Elena Centemero non significa il commissariamento. C’è stato un difetto di comunicazione e dico questo perché non voglio pensare a fughe in avanti o patti non rispettati. In ogni caso qualcosa non ha funzionato». L’accordo sul nome di Elena Centemero era stato chiuso tra il coordinatore Guido Podestà e il vice, Massimo Corsaro, ma secondo il numero due non prevedeva l’azzeramento dei vertici, ma solo la sostituzione del coordinatore dimissionario Ponzoni. Invece la deputata si è presentata come «commissario unico in vista del congresso», scelta direttamente da Silvio Berlusconi.

Insomma, è la Centemero a comportarsi esattamente come Silvio vorrebbe, affrontando i suoi incarichi con piglio decisionista. Se sarà eletta al Comune, probabile che Berlusconi vorrà avere ben più di una semplice voce in capitolo.

Tommaso Caldarelli

Be the first to comment on "E la prof di casa Berlusconi si candida a sindaco di Arcore!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam