Guarda guarda, la Lega ha paura del voto? … ma qualc’uno da ancora valore alle loro chiacchiere?!?!

Bocciato il parere della Commissione sul Federalismo? Fa niente: Bossi dice che “bisogna aspettare il voto su Ruby” per capire se ci saranno elezioni. Un vero e proprio dietrofront.

Ah, non pensa. Umberto Bossi non pensa che si andrà ad elezioni. Dopo che da settimane, da mesi, ha montato fuoco e fiamme per sottolineare che se il voto di oggi, quello sul federalismo fiscale in commissione bicamerale d’attuazione, fosse stato silurato, non ci sarebbe stata nessun’altra strada rispetto alle urne.

PIU’ LONTANE LE ELEZIONI – No, niente elezioni. Bossi non pensa che ci saranno.

Non penso, Berlusconi vuole vedere il risultato delle votazioni di oggi’ sulla vicenda Ruby. Cosi’ il leader del Carroccio Umberto Bossi ha risposto, rientrando alla Camera, ai giornalisti che gli chiedevano se dopo il pareggio sul federalismo si avvicinasse l’ipotesi di elezioni anticipate.
Ah, è Berlusconi che decide quando si va al voto? E prima bisogna aspettare che la Camera decida sull’autorizzazione alla perquisizione dei locali del rag.Spinelli, tesoriere di Berlusconi? Bene, per fortuna, almeno lo sappiamo. No, perchè, spulciando anche solo stancamente le ultime dichiarazioni della Lega “battagliera” delle ultime settimane, il quadro presentato era un po’ diverso.

FEDERALISMO AFFOSSATO – E’ da gennaio, infatti – ma da prima, in realtà – che gli uomini del Carroccio, Bossi in testa, non fanno che urlare ai quattro venti che se il federalismo viene silurato, la maggioranza cade e si va alle urne. E oggi, il federalismo è stato silurato: con il voto contrario della commissione d’attuazione – che ha votato per 15 voti contro e 15 a favore: ma il pareggio vale come no – l’iter del decreto deve andare in aula o ricominciare da capo il suo cammino. “Le urne si avvicinano”, avevano annunciato gli uomini del Senatùr. O era una bufala?

Umberto Bossi ha ribadito che, se il federalismo non passa, l’unica strada è il voto anticipato. “Calderoli ha visto giusto: ci sono dei momenti in cui occorre non perdere ulteriore tempo”, ha sostenuto il leader leghista, conversando coi giornalisti a Ponte di Legno. “Abbiamo dato tutto il tempo che hanno voluto gli altri: bisogna accelerare”. Ma la Lega è pronta a staccare la spina? “Se la Lega non ci sta piu’ – ha garantito – si va al voto”.

Il 3 gennaio il voto in caso di siluramento del provvedimento era addirittura “garantito”. Proprio, guarda.

Bossi torna a parlare di federalismo, momento fondamentale per l’attuale Governo nonché “storico” desiderio del Carroccio. La riforma federalista è fondamentale, deve essere portata a termine se ci sono i numeri per governare. “Se non ci sono i numeri – ha poi spiegato – preferisco le elezioni” a questa situazione di incertezza.

Cena degli ossi a Calalzo di Cadore con Giulio Tremonti, 4 di gennaio.

Se poi la riforma dovesse naufragare, come ha ribadito ancora una volta Umberto Bossi, «si va a votare». Con una campagna elettorale già pronta per la Lega contro chi non ha voluto riformare il Paese con la rivoluzione federalista.

Ancora, la Stampa del 20 gennaio.

“Vediamo, vediamo…”. Così il leader della Lega Umberto Bossi replica ai cronisti che gli chiedono se in caso di pareggio si andrà alle elezioni anticipate.

Poche ore fa, in Transatlantico.

AL LUPO, AL LUPO – Potremmo continuare, ce n’è tante di dichiarazioni sul tema. Non tutte arrivano da Bossi, ma anche dai suoi uomini che sottoscrivono, copincollano e rilanciano. La verità è che forse Bossi ha fatto male i suoi conti, perchè l’agitare le elezioni anticipate come un’ordigno di fine di mondo non ha molto senso se nessuno ha interesse ad andare a votare. Una minaccia che non fa paura a nessuno: tanto che, come nella favola di “al lupo, al lupo”, il bambino che si diverte a spaventare il paese poi lo condanna alla morte.

Tommaso Caldarelli

Be the first to comment on "Guarda guarda, la Lega ha paura del voto? … ma qualc’uno da ancora valore alle loro chiacchiere?!?!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam