Federalismo, il governo tenta il golpe!

Potrebbe tenersi in serata un Consiglio dei Ministri per dare il via libera al decreto di attuazione del federalismo municipale. La convocazione ufficiale del Cdm non c’e’ ancora, ma l’ipotesi di tenere la riunione e’ stata discussa oggi nel corso di un vertice a Palazzo Grazioli tra il Pdl e lo stato maggiore della Lega. Lo riferisce l’Ansa.

UN GOLPE – Nel caso che il Consiglio dei Ministri varasse il decreto delegato sul federalismo municipale, per entrare in vigore esso dovrebbe poi essere sottoposto al presidente della Repubblica al quale, ai sensi dell’articolo 87 della Costituzione, spetta il potere di emanarlo. Questo è uno dei classici modi per muovere la partita: il governo avrebbe potuto comunque in base alla legge 42 il decreto legislativo, ma avrebbe dovuto farlo nella versione precedente, che però era quella che aveva avuto il no dall’Anci. Forzando oltre ogni limite la lettera della legge, portano in aula il testo del decreto con il parere pre-bicameralina. Ma inseriscono le modifiche in questo decreto legge: quello che viene approvato è il pezzo di decreto bocciato dalla bicameralina. Formalmente, è tutto a posto. Ma con il decreto legge che incorpora la modifiche, si riesce a violarne totalmente la sostanza. Ora, il problema è che la cosa può reggere dal punto di vista tecnico giuridico; da quello politico si disattende il parere del parlamente, lo si scavalca. Sostanzialmente, è una specie di golpe. Napolitano potrebbe anche decidere di non firmarlo, visto che va in palese contrasto di sostanza con la legge 42, legge delega sul federalismo fiscale.

FINI A BOSSI: MOLLA SILVIO – Con questo governo e con questa maggioranza il federalismo non si farà. E Bossi, con Berlusconi, non va da nessuna parte. Sarebbe questo, a quanto si apprende da fonti di Futuro e liberta’, il contenuto del colloquio avvenuto stamane tra Gianfranco Fini e Umberto Bossi prima del voto in Bicameralina.”Finche’ Silvio Berlusconi non fara’ un passo indietro, il federalismo non passa”, avrebbe detto Fini al Senatur. Quest’ultimo, sempre secondo quanto riferiscono parlamentari futuristi, avrebbe proposto al leader di Fli un patto sulle riforme in cambio di un via libera al federalismo, chiedendo in particolare il voto favorevole, in commissione, di Mario Baldassarri, ago della bilancia tra maggioranza e opposizioni. Fini si sarebbe detto pronto a discuterne, ma non con questo governo e soprattutto non con questo premier.

Carlo Cipiciani

Be the first to comment on "Federalismo, il governo tenta il golpe!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?

Protected by WP Anti Spam